Salta al contenuto

Dal Belcanto al Tango…

Fabio Armiliato, tenore, presenta al comunale di  Monfalcone, insieme al pianista Fabrizio Mocata, Recital Cantango: omaggio a Schipa e Gardel , in cartellone venerdì 23 marzo 2018 alle 20.45.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “ Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione dello spettacolo a cura di Clara Giangaspero.

Lo spettacolo è nato dalla comune passione di Armiliato e Mocata per il tango, in cui le canzoni di Tito Schipa e Carlos Gardel si abbracciano per raccontare, attraverso il “recitar cantando”, l’emigrazione e la convivenza delle diverse tradizioni culturali nell’America Latina di fine ‘800 e inizio ‘900. Un affascinante recital di canciones (con tanto di ballerini) che accompagna il pubblico in un viaggio ideale, a ritroso nel tempo…

La paranza dei bambini

Torna a impreziosire la stagione di prosa il teatro di Roberto Saviano, che firma insieme a Mario Gelardi, dopo la felice esperienza teatrale di Gomorra, lo spettacolo La paranza dei bambini, tratto dal suo best seller, in cartellone al Comunale di Monfalcone giovedì 22 marzo 2018 , alle 20.45.
Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “ Per il Teatro di Monfalcone” con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione dello spettacolo a cura di Roberta Sodomaco.
La “paranza dei bambini” è la batteria di fuoco dei giovanissimi legati alla camorra, pesci talmente piccoli da poter essere cucinati solo fritti. Hanno scarpe firmate, famiglie quasi normali e grandi ali “d’appartenenza” tatuate sulla schiena. Sfrecciano in moto contromano per le vie di Napoli, perché sanno che la loro unica possibilità è giocarsi tutto e subito. Non temono il carcere né la morte.
Saviano e Gelardi mettono in scena la controversa ascesa di una tribù adolescente verso il potere, che impone regole feroci per perdere l’innocenza e diventare grande.
Non a caso lo spettacolo nasce nel Nuovo Teatro Sanità, un luogo “miracoloso” nel cuore di Napoli.

Dietro le Quinte – Magical Mystery Orchestra –

9/3/2018 – Dietro le Quinte – Magical Mystery Orchestra – Eddy De Fanti, Roberto Cecchetti e Massimo Bellio , assieme a Federico Pupo, direttore artistico della stagione musicale del Comunale di Monfalcone, hanno incontrato il pubblico nel foyer prima di “ The Beatles forever and ever “. Uno  spettacolo  con molte risorse in campo e non solo una  personale , per quanto fedele, rivisitazione di molti leggendari pezzi dei Beatles. E se al numeroso pubblico non più giovane presente in sala le canzoni e le immagini avranno sicuramente risvegliato ricordi e nostalgie , più interessante sarebbe conoscere le impressioni  dei giovanissimi , pure presenti la sera, ma soprattutto alla matinée di  “Dentro la scena” . Le loro entusiastiche reazioni sembra abbiano sinceramente fatto un grande piacere agli artisti, che lo hanno più volte sottolineato, sia nel foyer che dal palcoscenico.

Copenaghen – Dietro le Quinte –

6-7/03/2018 – Dietro le Quinte – Copenaghen – Luisa Vermiglio , dopo averci parlato del teatro di parola ed aver ripercorso la biografia artistica dell’autore e dei  protagonisti di “ Copenaghen”, si è avventurata nel difficile, affascinante  mondo della “nuova” fisica teorica del novecento  e del suo controverso rapporto con quella applicata, specie quando, come nello spettacolo, ci si interroga sulla legittimità del porre la scienza al servizio dell’industria bellica, questione terribile sempre, ma infinitamente di più quando si tratta di armi nucleari. Nella bellissima, complessa rappresentazione cui abbiano assistito, si sono sovrapposti piani temporali, scenari storici e vicende personali. Di altissimo livello gli attori protagonisti, in attento ascolto il pubblico.

Magical Mystery Orchestra – The Beatles forever and ever !

VENERDÌ 9 MARZO 2018 ORE 20.45 | ‘900&oltre al Comunale di MonfalconeMagical Mystery Orchestra

Alle 20.00 nel bar/foyer, nell’ambito di Dietro le Quinte, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, gli artisti incontrano il pubblico.

La Magical Mystery Orchestra, formazione che da oltre 25 anni propone alcuni fra i più celebri e amati successi dei Beatles e le canzoni che i Fab Four non hanno mai eseguito dal vivo, ma solo in studio di registrazione, propone un entusiasmante viaggio attraverso la sorprendente storia del Quartetto di Liverpool. A impreziosire lo spettacolo, le poetiche multivisioni di Francesco Lopergolo, fra i massimi esperti a livello internazionale di questa suggestiva tecnica di comunicazione visiva, e l’attore Giorgio Bertan, interprete di I am the walrus, Being for the benefit of Mr Kite, You know my name, alcune delle canzoni più geniali del repertorio beatlesiano, che ancora oggi risultano incredibilmente all’avanguardia.

Il percorso della Magical Mystery Orchestra si caratterizza per la continua ricerca filologica e stilistica, premiata nel 2005 con la registrazione di Rain e I am the walrus presso gli Abbey Road Studios di Londra. Nel 2015 la formazione ha pubblicato il CD/DVD live The Inner Light, registrato al Teatro Malibran di Venezia e nel luglio 2017, per i 50 anni di Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, ha tenuto un memorabile concerto alla Fenice di Venezia insieme all’Orchestra del Teatro.

Copenaghen

Al Comunale di Monfalcone martedì 6 e mercoledì 7 marzo 2018 h. 20.45

Copenaghen       di Michael Frayn    regia di Mauro Avogadro
con Umberto Orsini, Massimo Popolizio
e con Giuliana Lojodice
Compagnia Umberto Orsini e Teatro di Roma – Teatro Nazionale
in co-produzione con CSS Teatro stabile d’innovazione del FVG

Alle 20.00 nel foyer del teatro , nell’ambito di Dietro le Quinte, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Luisa Vermiglio presenta lo spettacolo. Non mancate !

Dietro le Quinte – Sulla morte senza esagerare –

 

Sulla morte senza esagerare – Roberta Sodomaco ci ha introdotto ad uno spettacolo il cui titolo , assieme al fatto che gli interpreti non parlano ed hanno il volto coperto da maschere, poteva far pensare a qualche cosa di molto pesante , né potevano bastare a rassicurare i premi conseguiti  da questo ed altri lavori e dalla compagnia . Invece, ci veniva annunciato da Sodomaco, lo spettacolo è lieve ed ironico. E così è stato. Al pubblico è stato offerto, oltre alle consuete schede di sala, anche il testo della poesia di Wisława Szymborska dalla quale lo spettacolo trae ispirazione. Alla fine, libero accesso alle maschere e compagnia a disposizione per domande del numeroso pubblico. L’attore  monfalconese Sandro Pivotti, sulle pagine della stampa locale ha reso omaggio alla scuola dove, ragazzo, ha iniziato il suo percorso , i laboratori teatrali condotti da Luisa Vermiglio, presente nel foyer ed in sala e ( pensiamo noi) , giustamente orgogliosa, oltre che al lavoro di Roberta Sodomaco ed in particolare alla rassegna del Comunale “ContrAzioni” , riferimento e fertile terreno per la crescita di nuovi talenti.

 

Sulla morte, senza tabù…

È dedicato alla poetessa polacca Wislawa Szymborska Sulla morte senza esagerare, in scena al Comunale di Monfalcone martedì 27 febbraio alle 20.45 nell’ambito della rassegna “AltroTeatro”, prodotto dal Teatro dei Gordi, compagnia fondata nel 2010 da alcuni giovani diplomati alla Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, fra i quali il monfalconese Sandro Pivotti.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “ Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione a cura di Roberta Sodomaco.

Lo spettacolo affronta il tema della morte in chiave ironica e divertente, attraverso un uso non convenzionale delle maschere. Sulla scena, infatti, cinque attori e dieci maschere contemporanee di cartapesta che raccontano la morte, fra verità e leggerezza.Un innovativo teatro di figura per parlare di un argomento tabù con ironia, oltre le barriere della parola.
La giuria del Premio Scintille ha premiato lo spettacolo “per l’originalità della costruzione drammaturgica, la cura dei dettagli, il lavoro attorale e di regia, che lo proiettano verso una dimensione creativa di livello internazionale” e per “il coraggio della giovane compagnia di intraprendere la linea di un teatro senza parole, che riesce a comunicare in maniera efficace, suggestiva e poetica attraverso il movimento, il gesto, le invenzioni scenografiche”.

“Concerti per organo”

Domenica 25 febbraio alle ore 16.00 prosegue “Concerti per organo”, la collaudata rassegna realizzata dal Teatro Comunale di Monfalcone in collaborazione con le Parrocchie S. Ambrogio e Marcelliana.  Protagonista del secondo appuntamento, alla Chiesa Beata Vergine Marcelliana, è Enzo Marcuzzo, che propone il concerto Il tempo penitenziale tra liturgia cattolica e luterana, con pagine di compositori di area protestante e cattolica (Mendelssohn-Bartholdy, Bach, Dupré, Tournemire) dedicate al tempo di penitenza; in programma anche un brano dello stesso Marcuzzo, Improvvisazione su Audi, benigne Conditor.
L’ingresso è libero.

 

Dietro le Quinte – Commedia, commedia !

Dietro le Quinte – 8/2/2018 – nel foyer del Teatro Comunale di Monfalcone, Alberto Rasi, direttore dell’Accademia Strumentale Italiana e Lorenzo Bassotto, commediante , prima di  “Commedia, commedia!”, dialogando con Federico Pupo , direttore artistico della stagione musicale ci hanno molto piacevolmente parlato della Commedia dell’Arte, della contemporaneità della musica antica   (La musica antica non esiste, la partitura è antica , ma la musica è sempre contemporanea e gli strumenti antichi, o loro copia, ci piace pensare che possano essere usati nella contemporaneità…) e di molto altro ancora. Il divertente ( ma non in tutti i suoi momenti, c’è stato spazio anche per una qualche mestizia) gioioso e raffinato concerto/spettacolo che è seguito ha incantato e rallegrato il pubblico. Tutti bravissimi gli interpreti.