Salta al contenuto

Dietro le Quinte – Questi fantasmi

Dietro le Quinte – 27- 28/3/2018 – Questi fantasmi

Luisa Vermiglio , nel contesto degli incontri di  “ Dietro le Quinte” , ha introdotto “ Questi fantasmi”, in scena al comunale di Monfalcone, iniziando da alcune riflessioni sulla città di Napoli, con le sue contraddizioni sempre molto attuali, per presentare Eduardo De Filippo come uno dei suoi più grandi interpreti, capace di coniugare comicità e tragedia con una maestria in perfetto equilibrio tra la leggerezza popolare e la riflessione universale. Figlio d’arte, anche se non riconosciuto dal grande attore e capocomico Eduardo Scarpetta, suo padre naturale, fin da bambino ha sempre saputo che il teatro sarebbe stata la sua strada e vi si è dedicato totalmente, anche assieme ai suoi fratelli Titina e Peppino, ma seguendo un suo rigoroso percorso molto personale. Il suo obiettivo era sì il teatro napoletano, ma voleva rifinire lo spessore dei suoi personaggi e uscire dal provincialismo. Grande importanza ebbe per lui, dunque, l’incontro con Luigi Pirandello che contribuì in maniera determinante alla completezza della sua drammaturgia. Eduardo diceva che “Teatro significa vivere sul serio quello che gli altri nella vita recitano male” dimostrando così la grande vicinanza con il premio Nobel. Il riferimento a Pirandello, parodiato, è molto evidente nella messa in scena di “Questi fantasmi”diretta da Marco Tullio Giordana, regista milanese principalmente cinematografico, che ne ha dato un taglio pulito e sottile, nel rispetto della perfetta struttura comica del testo, rendendo nitida la grande attualità di quella comicità amara che raccontava, senza giudizio, uno spaccato dell’Italia, con le sue fragilità e meschinità. A portare in scena il testo, la Compagnia di Luca De Filippo che da più di due anni ha perduto il suo capocomico. Luca, figlio di Eduardo, ha ricevuto in eredità l’esperienza senza eguali del padre ed ha creato questa sua compagnia, che ora continua ad esistere grazie alla moglie di Luca, Carolina Rosi, figlia di Francesco Rosi. Carolina, in scena nel ruolo di Maria, ha accettato dunque di raccogliere il testimone ed è lei, ora, la capocomica ed anche la brava produttrice degli spettacoli della compagnia, con la sua Elledieffe. Storia artistica, impegno e fatiche ripagati dal calore del pubblico: gli applausi a fine spettacolo sembrava non volessero terminare mai.

 

Categoria:Galleria Fotografica