Salta al contenuto

07/09/2018 …Il viaggio ha inizio…

Venerdì 7 settembre 2018 , alle ore 17.00, presso il Teatro Comunale di Monfalcone (corso del Popolo 20), avrà luogo la presentazione alla stampa e al pubblico della Stagione Teatrale 2018-2019.

Interverranno:
Anna Maria Cisint, Sindaco di Monfalcone
Luca Fasan, Assessore alla Cultura
Federico Pupo, Direttore artistico della stagione musicale
Renato Manzoni, Direttore dell’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia.

Dietro le Quinte ritorna….

Il teatro comunale di Monfalcone presenterà la stagione 2018/2019 il 7 settembre….ma nel frattempo assicura ( e noi ne diamo conferma) che verrà riproposta Dietro le Quinte, rassegna di incontri con il pubblico nel foyer, con relatori esperti ed artisti , che alle h. 20 anticipano tutti  gli spettacoli , sia di musica che di prosa.

L’iniziativa viene organizzata, in collaborazione, dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia.

Sperando di avere lo stesso successo delle passate stagioni, come ( ahimè  piccola ) associazione di volontariato siamo alla costante ricerca di nuovi soci, sia per un sostegno economico, che per un partecipe contributo di azioni ed idee.

Vi aspettiamo nel foyer

 

Alti & Bassi

Domenica 20 maggio alle 20.45, a chiudere la stagione dei concerti, approda al Comunale di Monfalcone il quintetto vocale Alti & Bassi, fra le più brillanti formazioni italiane di musica a cappella, protagonista del concerto Da Bach a Jannacci… Tutto è Jazz!.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le Quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Federico Pupo, direttore artistico della stagione musicale, converserà con gli Alti & Bassi.

Scrive di loro Paolo Conte: “è un vero privilegio ascoltare voci umane che restituiscono la sonorità ferrigna e impetuosa di una swing band. Mi sono gustato passaggi armonici di grande suggestione e una snellezza ritmica incantevole”.
I cinque timbri molto differenti riescono a ottenere un impasto vocale unico, cui si affiancano straordinaria intonazione e grande cura per i dettagli. Il concerto Da Bach a Jannacci… Tutto è Jazz! è un articolato percorso dal barocco a oggi, senza preclusione di ambiti, con arrangiamenti di pagine celeberrime in chiave jazz, swing o rock.

Premio Franco Rocco/Maggio musicale

L’associazione ” Per il Teatro di Monfalcone” ricorda il proprio già vice presidente, Franco Rocco, scomparso nel 2015, intitolandogli un premio da assegnare ad uno studente e/o giovane musicista, preferibilmente di musica antica.  La somma destinata al premio deriva dalle donazioni che alcune persone, amiche e consegnatarie, per volontà della famiglia Rocco, di alcuni quadri dipinti da Franco ( già oggetto di due mostre , a Monfalcone ed a Fogliano , denominate ” il segno il suono” ) hanno effettuato all’associazione.  Rinnovando la collaborazione con l’associazione  “L’albero del Melogramma ” di Fogliano-Redipuglia, la nostra associazione quest’anno consegnerà il riconoscimento il 4 maggio, nel corso della serata inaugurale del ” Maggio Musicale ” 2018  (allegata locandina).

Premieremo la giovane musicista Teodora Tommasi,

nata a Trieste nel 1989,  diplomata in flauto dolce e arpa. In veste di flautista si dedica soprattutto alla musica antica, dal Medioevo al Barocco, spaziando fino alla musica contemporanea, con brani anche composti espressamente per lei, come solista o come componente di vari gruppi (Lumen Luminem, Glaphiron, Dionea, Ars Nova, Ensemble di strumenti antichi della cappella della Beata Vergine di Trieste, Liam duo, Orchestra barocca Senza Confini, e altri). Come arpista svolge attività concertistica da solista, in insiemi da camera e in varie orchestre, soprattutto di fiati (Orchestra civica di fiati “G. Verdi – città di Trieste, orchestra di fiati Vall’Isonzo, orchestra Diapason). Oltre all’arpa classica, suona anche  l’arpa celtica e l’arpa gotica. Ha partecipato, in qualità vocale e strumentale, al progetto tenuto da Claudia Caffagni, dedicato alla trascrizione da fonti originali e all’allestimento della messa “Se la face ay pale” di G. Du Fay, sfociato in concerti e in un’incisione discografica in uscita. All’attività strumentale ha sempre accostato il canto, collaborando con cori prestigiosi, soprattutto dell’ambito della minoranza slovena di Trieste (attualmente canta nel gruppo vocale Vikra); fa parte della cappella corale della chiesa della Beata vergine di Trieste – cappella civica, dove è voce solista nelle esecuzioni di musica antica e di polifonia rinascimentale in particolare;  è iscritta al biennio di canto rinascimentale e barocco presso il Conservatorio di Vicenza, dove studia con G. Bertagnolli. Si è perfezionata con diversi maestri, fra i quali L. Cavasanti, M. Staropoli, D. Bruggen, W. Van Hauwe, G. Heyens (flauto dolce); E. Fontaine – Binoche, A. Loro, P. Tassini, F. Tirale, M. Galassi (arpa); P. Vaccari, L. Antonaz (canto rinascimentale e barocco), Claudia Caffagni (musica medievale). Accanto all’intensa attività concertistica, che nella maggior parte dei gruppi la vede coinvolta sia come cantante che come strumentista, lavora come insegnante di flauto dolce e arpa celtica in diverse associazioni musicali, fra cui l’accademia Ars Nova di Trieste (dove dirige anche l’omonimo gruppo di musica antica) e l’associazione DaCapo. E’ insegnante di Flauto dolce presso il liceo Musicale Carducci – Dante di Trieste, dove ricopre anche la carica di coordinatrice dell’area musicale.

Franco Rocco era nato in una famiglia dove la musica era di casa: il padre Ermanno era organista titolare prima nel duomo di Monfalcone e in seguito alla Marcelliana, ma anche compositore e direttore di coro. Franco, invece, dopo le esperienze giovanili alle tastiere di complessi negli anni ’60, ha iniziato ad interessarsi alla musica antica coinvolgendo in questa sua passione fratelli, nipoti ed amici e creando il gruppo di musica antica I Laudesi; ha proseguito quindi con lo studio della viola da gamba a Verona e a Fiesole, utilizzando, tra le altre, anche alcune bellissime copie di strumenti antichi realizzate dal fratello Paolo, consolidando nel tempo la sua conoscenza sull’argomento ed intessendo rapporti di collaborazione e di amicizia con alcuni dei più apprezzati musicisti del settore. La sua professione è stata quella di educatore al C.I.S.I. ed anche in quell’ambito Franco ha proposto incontri settimanali su temi musicali, prima presso la Biblioteca di Staranzano e in seguito al Centro Anziani di Monfalcone, rivolti agli utenti del Consorzio, persone disabili giovani e adulte, ma aperti anche a chiunque volesse parteciparvi. Dopo il pensionamento ha scelto di mettere la sua passione e la sue esperienze a disposizione di tutti coloro che potessero essere interessati a conoscere ed approfondire il mondo della musica nei diversi aspetti. Dopo la realizzazione della mostra “Paolo Rocco, liutaio a Panzano” e di un concerto di musica antica con eccellenti esecutori alla Marcelliana (2010), Franco accolse l’invito, dell’Assessore Paola Benes e del Direttore Artistico per la musica del Teatro di Monfalcone Filippo Juvarra, di promuovere la ricostituzione dell’associazione degli “amici” di quel teatro che aveva frequentato sin dalla fondazione, coinvolgendo  persone con diverse esperienze in un gruppo del quale certamente è stato sempre l’ispiratore oltre che l’esperto, mettendo ancora a disposizione la sua casa quale sede ed occupandosi personalmente del ricco e sempre aggiornato sito web. Di particolare rilievo, inoltre, sia la sua consulenza alla direzione del Kinemax nella composizione del “cartellone” dell’Opera al Cinema, sia la preparazione attenta e puntuale delle schede di sala con le trame delle opere ed i commenti, a volte riprendendo le considerazioni di illustri giornalisti e musicologi, a volte in proprio.

 

 

 

 

Maggio Locandina

Lunedì 30 aprile 2018 h. 20.45 – Teatro Comunale di Monfalcone International Jazz Day

 

Ramin Bahrami & Danilo Rea –  Pianoforti
Bach is in the air 

Alle 20.00 nel foyer , nell’ambito di “Dietro le Quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione  “Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, breve presentazione a cura di Federico Pupo, direttore artistico della stagione musicale e Mauro Masiero, musicologo e presidente dell’Associazione Bacharo Tour, il cui progetto di divulgazione prevede l’esecuzione dal vivo della musica di Bach nei “bacari” veneziani.

Due pianoforti e due straordinari pianisti, per un viaggio musicale sulle grandi ali dell’ineguagliabile musica di J. S. Bach. Un concerto dedicato alla produzione per tastiera meno conosciuta del Maestro di Eisenach, nel quale l’eccellenza tecnica e interpretativa di Ramin Bahrami, riconosciuto come uno dei più sensibili interpreti bachiani contemporanei, si sposa con l’estro di Danilo Rea che, grazie alla sua grande versatilità e apertura musicale, si conferma uno dei più importanti pianisti jazz italiani.
Un’audace incursione in terre di confine tra jazz e musica classica, tra lettura fedele e improvvisazione, con il singolare intrecciarsi di due interpretazioni che procedono con la necessaria libertà, ma senza snaturare lo spirito della musica di Bach.
I 30 aprile si celebra la Giornata Internazionale del Jazz, l’International Jazz Day, istituita dall’Unesco nel novembre del 2011 e celebrata per la prima volta nel 2012.

Foto di Francesco Giusti

 

 

 

Road Movie al Comunale di Monfalcone

Un concerto nel segno della grande musica per film e del jazz, quello in cartellone lunedì 16 aprile 2018 alle 20.45.
Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le Quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura degli artisti.
Protagonista del suggestivo Road Movie – Le colonne sonore dei grandi film rivisitate in chiave jazz è il Max De Aloe Quartet (Max De Aloe armonica cromatica e fisarmonica / Roberto Olzer pianoforte / Marco Mistrangelo contrabbasso / Nicola Stranieri batteria).
In programma i grandi temi di Nino Rota, Ennio Morricone, Henry Mancini, Joe Hisaishi, Helmer Bernstein, Astor Piazzolla scritti per importanti pellicole e rivisitati in chiave jazzistica.
Artista istrionico e visionario, Max De Aloe è fra gli armonicisti più attivi in Europa; ha conquistato il “Jazz It Awards” indetto dalla rivista Jazzit come Migliore musicista italiano nel 2014 e nel 2015.

Giuseppe Giacobazzi in Io ci sarò

La stagione di prosa del Comunale di Monfalcone si chiude

martedì 10 e mercoledì 11 aprile 2018 h. 20.45  con

Giuseppe Giacobazzi in  Io cisarò

di e con Andrea Sasdelli
collaborazione ai testi di Carlo Negri
Ridens

Alle 20 nel foyer, nell’ambito di Dietro le Quinte, incontri organizzati dal Comune e dall’associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Roberta Sodomaco presenta lo spettacolo al pubblico.

Dopo le 65 repliche sold out della stagione 2016-2017, Andrea Sasdelli, in arte Giuseppe Giacobazzi, torna nei teatri italiani con lo spettacolo Io ci sarò. E così descrive il percorso che l’ha portato nuovamente sulle scene: “il nostro è un lavoro fatto anche di viaggi e durante i viaggi ti trovi inevitabilmente a pensare. Quando pensi, pensi a te e a quello che stai vivendo, a quello che hai vissuto e a quello che eventualmente potrà essere il tuo futuro

Da Bach a…..Sollima

Torna al Comunale di Monfalcone, lunedì 9 aprile 2018 , alle 20.45, Giovanni Sollima, virtuoso del violoncello e originale compositore, che mette d’accordo estimatori di musica colta e appassionati di rock.
Insieme a lui i Solisti Filarmonici Italiani, orchestra da camera fra le più importanti, che dialoga con il pubblico delle nuove generazioni grazie a progetti che affiancano repertorio tradizionale e linguaggi contemporanei.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nel contesto di “ Dietro le Quinte” , incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia,  avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura degli artisti.

Dall’incontro fra Sollima e i Solisti nasce un programma dinamico e accattivante, dal titolo Da Bach… a Sollima, che prevede capolavori del repertorio barocco (il Concerto Brandeburghese n. 3 di Bach, il Concerto per 2 violoncelli di Vivaldi…) e sorprendenti pagine dello stesso Sollima (fra cui la suggestiva Violoncelles, Vibrez!).

Dal Belcanto al Tango…

Fabio Armiliato, tenore, presenta al comunale di  Monfalcone, insieme al pianista Fabrizio Mocata, Recital Cantango: omaggio a Schipa e Gardel , in cartellone venerdì 23 marzo 2018 alle 20.45.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “ Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione dello spettacolo a cura di Clara Giangaspero.

Lo spettacolo è nato dalla comune passione di Armiliato e Mocata per il tango, in cui le canzoni di Tito Schipa e Carlos Gardel si abbracciano per raccontare, attraverso il “recitar cantando”, l’emigrazione e la convivenza delle diverse tradizioni culturali nell’America Latina di fine ‘800 e inizio ‘900. Un affascinante recital di canciones (con tanto di ballerini) che accompagna il pubblico in un viaggio ideale, a ritroso nel tempo…

La paranza dei bambini

Torna a impreziosire la stagione di prosa il teatro di Roberto Saviano, che firma insieme a Mario Gelardi, dopo la felice esperienza teatrale di Gomorra, lo spettacolo La paranza dei bambini, tratto dal suo best seller, in cartellone al Comunale di Monfalcone giovedì 22 marzo 2018 , alle 20.45.
Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “ Per il Teatro di Monfalcone” con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione dello spettacolo a cura di Roberta Sodomaco.
La “paranza dei bambini” è la batteria di fuoco dei giovanissimi legati alla camorra, pesci talmente piccoli da poter essere cucinati solo fritti. Hanno scarpe firmate, famiglie quasi normali e grandi ali “d’appartenenza” tatuate sulla schiena. Sfrecciano in moto contromano per le vie di Napoli, perché sanno che la loro unica possibilità è giocarsi tutto e subito. Non temono il carcere né la morte.
Saviano e Gelardi mettono in scena la controversa ascesa di una tribù adolescente verso il potere, che impone regole feroci per perdere l’innocenza e diventare grande.
Non a caso lo spettacolo nasce nel Nuovo Teatro Sanità, un luogo “miracoloso” nel cuore di Napoli.

Magical Mystery Orchestra – The Beatles forever and ever !

VENERDÌ 9 MARZO 2018 ORE 20.45 | ‘900&oltre al Comunale di MonfalconeMagical Mystery Orchestra

Alle 20.00 nel bar/foyer, nell’ambito di Dietro le Quinte, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, gli artisti incontrano il pubblico.

La Magical Mystery Orchestra, formazione che da oltre 25 anni propone alcuni fra i più celebri e amati successi dei Beatles e le canzoni che i Fab Four non hanno mai eseguito dal vivo, ma solo in studio di registrazione, propone un entusiasmante viaggio attraverso la sorprendente storia del Quartetto di Liverpool. A impreziosire lo spettacolo, le poetiche multivisioni di Francesco Lopergolo, fra i massimi esperti a livello internazionale di questa suggestiva tecnica di comunicazione visiva, e l’attore Giorgio Bertan, interprete di I am the walrus, Being for the benefit of Mr Kite, You know my name, alcune delle canzoni più geniali del repertorio beatlesiano, che ancora oggi risultano incredibilmente all’avanguardia.

Il percorso della Magical Mystery Orchestra si caratterizza per la continua ricerca filologica e stilistica, premiata nel 2005 con la registrazione di Rain e I am the walrus presso gli Abbey Road Studios di Londra. Nel 2015 la formazione ha pubblicato il CD/DVD live The Inner Light, registrato al Teatro Malibran di Venezia e nel luglio 2017, per i 50 anni di Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band, ha tenuto un memorabile concerto alla Fenice di Venezia insieme all’Orchestra del Teatro.

Copenaghen

Al Comunale di Monfalcone martedì 6 e mercoledì 7 marzo 2018 h. 20.45

Copenaghen       di Michael Frayn    regia di Mauro Avogadro
con Umberto Orsini, Massimo Popolizio
e con Giuliana Lojodice
Compagnia Umberto Orsini e Teatro di Roma – Teatro Nazionale
in co-produzione con CSS Teatro stabile d’innovazione del FVG

Alle 20.00 nel foyer del teatro , nell’ambito di Dietro le Quinte, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Luisa Vermiglio presenta lo spettacolo. Non mancate !

Sulla morte, senza tabù…

È dedicato alla poetessa polacca Wislawa Szymborska Sulla morte senza esagerare, in scena al Comunale di Monfalcone martedì 27 febbraio alle 20.45 nell’ambito della rassegna “AltroTeatro”, prodotto dal Teatro dei Gordi, compagnia fondata nel 2010 da alcuni giovani diplomati alla Scuola d’Arte Drammatica “Paolo Grassi” di Milano, fra i quali il monfalconese Sandro Pivotti.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “ Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione a cura di Roberta Sodomaco.

Lo spettacolo affronta il tema della morte in chiave ironica e divertente, attraverso un uso non convenzionale delle maschere. Sulla scena, infatti, cinque attori e dieci maschere contemporanee di cartapesta che raccontano la morte, fra verità e leggerezza.Un innovativo teatro di figura per parlare di un argomento tabù con ironia, oltre le barriere della parola.
La giuria del Premio Scintille ha premiato lo spettacolo “per l’originalità della costruzione drammaturgica, la cura dei dettagli, il lavoro attorale e di regia, che lo proiettano verso una dimensione creativa di livello internazionale” e per “il coraggio della giovane compagnia di intraprendere la linea di un teatro senza parole, che riesce a comunicare in maniera efficace, suggestiva e poetica attraverso il movimento, il gesto, le invenzioni scenografiche”.

“Concerti per organo”

Domenica 25 febbraio alle ore 16.00 prosegue “Concerti per organo”, la collaudata rassegna realizzata dal Teatro Comunale di Monfalcone in collaborazione con le Parrocchie S. Ambrogio e Marcelliana.  Protagonista del secondo appuntamento, alla Chiesa Beata Vergine Marcelliana, è Enzo Marcuzzo, che propone il concerto Il tempo penitenziale tra liturgia cattolica e luterana, con pagine di compositori di area protestante e cattolica (Mendelssohn-Bartholdy, Bach, Dupré, Tournemire) dedicate al tempo di penitenza; in programma anche un brano dello stesso Marcuzzo, Improvvisazione su Audi, benigne Conditor.
L’ingresso è libero.

 

Giuliana Musso in “Mio eroe”

 

Martedì 6 e mercoledì 7 febbraio 2018 alle 20.45 al Comunale di Monfalcone, ospite della stagione di prosa e della rassegna “AltroTeatro”, con lo spettacolo ” Mio eroe” , torna Giuliana Musso, autrice e interprete fra le più autorevoli e intense della scena contemporanea.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le Quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione ” Per il Teatro di Monfalcone” con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione dello spettacolo a cura di Roberta Sodomaco.

“Mio eroe” si ispira alla biografia di alcuni dei militari italiani caduti in Afghanistan e alla voce delle loro madri per raccontare l’orrore della guerra.

Nell’alveo di questi racconti intimi, a tratti lievi a tratti drammatici, il dolore delle madri supera la retorica militarista e affonda con la forza dei sentimenti in una più autentica ricerca di verità sulla logica della guerra, sull’origine della violenza come sistema di soluzione dei conflitti, sul mito dell’eroe.

25-26/1/2018 – Le prénom –

La stagione di prosa del Comunale di Monfalcone  prosegue, giovedì 25 e venerdì 26 gennaio alle 20.45, con la commedia Le prénom (Cena tra amici), pièce francese di grande successo che rappresentata a Parigi nel 2010 ottenne sei nomination al Prix Molière e fu subito adattata per il grande schermo (la versione cinematografica italiana è Il nome del figlio).

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Mario Brandolin presenta lo spettacolo.

Prodotta dal Teatro Stabile di Genova (l’adattamento italiano vanta la firma di Fausto Paravidino), la nuova messinscena de Le prénom, complice l’ottimo cast, mantiene inalterati musicalità, ritmo e ironia della versione francese e si rivela una commedia divertente, dai dialoghi intelligenti e arguti, che racconta lo sbando di una generazione in bilico.

Roberto Loreggian esegue le Variazioni Goldberg

LUNEDÌ 22 GENNAIO 2018 ORE 20.45 al Teatro Comunale di Monfalcone
Roberto Loreggian
Clavicembalo
Johann Sebastian Bach (1685 – 1750)
Variazioni Goldberg BWV 988
aria con 30 variazioni per clavicembalo a 2 tastiere
Alle ore 20.00 nel foyer , Federico Pupo, direttore artistico della stagione musicale, presenta il concerto, nell’ambito di “Dietro le Quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone” , con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Gorizia.

Il titolo di quest’opera deriva da un aneddoto: le Variazioni sarebbero state scritte per il Conte von Keyserling, ambasciatore russo a Dresda che, per rasserenare le notti insonni, chiedeva nuova musica da far eseguire al suo clavicembalista, Johann Gottlieb Goldberg. Sappiamo che non fu così ma il titolo, Variazioni Goldberg, è rimasto a indicare, insieme a L’Arte della Fuga, il vertice nella creazione di musica per strumenti a tastiera di Johann Sebastian Bach. Si tratta del brano tecnicamente più complesso di Bach: il compositore usa tutte le risorse tecnico-espressive del clavicembalo e alcune variazioni richiedono complessi incroci di mani, nello stile di Scarlatti.
Come i poeti (Virgilio, Lucrezio) e i filosofi (Aristotele, Pitagora), Bach ama il “numero” e, in particolare, considera come “suo” il numero 5: 5 è, infatti, la sintesi dei numeri corrispondenti alle lettere B-A-C-H (2 + 1 + 3 + 8 = 14, quindi 1 + 4 = 5). Le Variazioni Goldberg sono concepite come un’architettura di 30 variazioni, più l’aria ripetuta due volte, per un totale di 32 brani (3 + 2 = 5), e ogni variazione consta di 32 battute.
A eseguire le Variazioni è Roberto Loreggian, grande specialista di questo repertorio, cembalista e organista che si è esibito, come solista e con ensemble, nelle sale più prestigiose del mondo.
Suona per l’occasione una copia di un clavicembalo costruito nei primi anni del ‘700 da Michael Mietke, che costruì lo strumento su cui fu composto il Quinto Concerto Brandeburghese e i cui contatti con Bach sono storicamente documentati.

Odyssey Ballet

Venerdì 19 gennaio 2018 al Teatro Comunale di Monfalcone , alle 20.45, nell’ambito della rassegna “AltroTeatro”, è di scena la danza contemporanea con Odyssey Ballet.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, il regista e coreografo Mvula Sungani presenta lo spettacolo.
Odyssey Ballet è un innovativo spettacolo di danza in cui la physical dance di Mvula Sungani, originale artista italo-africano, si fonde con le musiche e le storie dell’area mediterranea. Il linguaggio coreografico intreccia tecniche classiche e contemporanee e le contamina con la danza etnica, le tecniche circensi, l’acrobazia e le arti marziali.
Sulla scena, i bravissimi solisti della compagnia capitanati dall’étoile Emanuela Bianchini.
Nell’opera di Mvula Sungani risuonano i temi, a lui cari, della diversità e dell’integrazione: attraverso l’Odissea greca si racconta anche l’odissea di chi nel mare ripone ogni speranza.

L’anatra all’arancia

Martedì 9 e mercoledì 10 gennaio 2018 approda al Comunale di Monfalcone “L’anatra all’arancia”, commedia cult dei primi anni Settanta ora proposta da Luca Barbareschi, regista e interprete al fianco di Chiara Noschese.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nel contesto di ” Dietro le quinte“, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone” , con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione dello spettacolo a cura di Paolo Quazzolo, docente di Storia del Teatro all’Università degli Studi di Trieste.

Storia di tradimenti, egoismo e incomprensione (celebre la versione cinematografica diretta da Luciano Salce, con Ugo Tognazzi e Monica Vitti), la pièce conquista per le soluzioni effervescenti e gli irresistibili dialoghi.

Compositori russi, ritmi spagnoli

Il nuovo anno si apre al Teatro Comunale di Monfalcone , lunedì 8 gennaio alle 20.45, con il magnifico concerto che vede protagonisti l’Orchestra Sinfonica della Radio Nazionale Ucraina – oltre 85 anni di attività con tournée in tutto il mondo – e Stefan Milenkovich, enfant prodige del violino che a soli 16 anni festeggiò la sua millesima esibizione e che oggi continua a incantare il pubblico internazionale.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione ” Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura di Katja Kralj, critico musicale.

Il concerto, dall’eloquente titolo Viva España!, intreccia melodie e atmosfere spagnole elaborate non soltanto da compositori spagnoli ma anche da autori russi, abituati a sviluppare sonorità di origine popolare e influenzati dalla moda, giunta in Russia, di comporre musica all’ispanica.

15 dicembre 2017 – Dietro le Quinte – Gabriele Carcano

Venerdì 15 dicembre 2017 alle h. 20 il pianista Gabriele Carcano incontra il pubblico nel foyer del teatro comunale di Monfalcone, nell’ambito di ” Dietro le Quinte” (rassegna di incontri organizzata dal Comune e dall’associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia).
Alle h. 20.45, ospite della stagione musicale e della rassegna ‘900&oltre dedicata alla musica del Novecento e contemporanea, Gabriele Carcano, fra i migliori giovani talenti della scena internazionale, già vincitore del Premio Venezia, del Borletti Buitoni Trust Fellowship e del Supersonic Award della rivista “Pizzicato” per la sua incisione delle opere giovanili di Brahms, si esibisce , con un programma che propone lo Scherzo op. 4 (l’opera più antica di Brahms che ci sia pervenuta, composta quando aveva soltanto diciotto anni), insieme a pagine di Beethoven (la Sonata n. 15 op. 28, “Pastorale”), di Schumann e del giovane compositore Matteo Manzitti.

Dietro le Quinte – Sei personaggi in cerca d’autore –

-Dietro le Quinte – lunedì 11 e martedì 12 dicembre 2017 alle h. 20, nel foyer del teatro comunale di Monfalcone, nell’ambito di “Dietro le Quinte”, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone” , Mario Brandolin presenta al pubblico ” Sei personaggi in cerca d’autore” , lo spettacolo che va in scena alle h. 20.45, con la regia di Luca De Fusco ed un cast di valenti attori, tra i quali Eros Pagni, Angela Pagano e Gaia Aprea.

04/12/2017 – Quel augellin che canta –

Lunedì 4/12/2017 – h.20.45 al Teatro Comunale di Monfalcone –
450 anni dalla nascita di Monteverdi
La Compagnia del Madrigale
Rossana Bertini, Francesca Cassinari soprani
Elena Carzaniga contralto
Giuseppe Maletto, Raffaele Giordani tenori
Daniele Carnovich basso
“Quel augellin che canta”
Madrigali di Claudio Monteverdi
alle h. 20 nel bar del Teatro , nell’ambito di ” Dietro le Quinte” , incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione ” Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, breve presentazione a cura di Italo Montiglio.

29-30 Novembre 2017 – Al comunale di Monfalcone : “ Le relazioni pericolose “.

Il 29 e 30 novembre 2017 alle h. 20.45, al comunale di Monfalcone, Elena Bucci (Premio Ubu 2016 come Migliore attrice) e Marco Sgrosso, figure fra le più originali del panorama teatrale contemporaneo, mettono in scena “ Le relazioni pericolose”.  Alle h. 20 nel bar del teatro, nell’ambito di “ Dietro le Quinte” , incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione “ Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Paolo Quazzolo, docente di storia del teatro all’Università di Trieste, presenta lo spettacolo al pubblico. Lo spettacolo riprende  il romanzo epistolare di Laclos (generale, scrittore, giacobino, governatore sotto Napoleone, capace di danzare con la storia, con le arti e con tutti i poteri che si sono avvicendati in quel secolo straordinario), la cui versione cinematografica firmata da Stephen Frears ha reso immortali le vicende della marchesa di Merteuil e del visconte di Valmont.

27/11/2017 – Laura Bortolotto e Matteo Andri – al Comunale di Monfalcone

Lunedì 27 novembre alle h. 20.45 al Teatro Comunale di Monfalcone, Laura Bortolotto, violino e Matteo Andri, pianoforte concludono il ciclo dedicato all’integrale delle Sonate per violino e pianoforte di Beethoven, iniziato due stagioni fa. A seguire, una composizione commissionata dal teatro a Simone Corti, vincitore del 17° concorso di composizione del premio Trio di Trieste.I musicisti, entrambi diplomati nei conservatori della nostra regione, alle h. 20, nel bar del teatro , nell’ambito della rassegna ” Dietro le Quinte” , organizzata dal Comune e dall’Associazione  “Per il Teatro di Monfalcone” con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, incontrano il pubblico” .

26/11/2017 – Concerto per organo al Duomo di Monfalcone –

DOMENICA 26 NOVEMBRE 2017 ORE 16.00 | ‘900&oltre
Concerti per organo – Duomo di Monfalcone- Ingresso libero

Giovanni Feltrin

Organo

Note di passaggio
Marce e processioni nella musica per organo

In collaborazione con le Parrocchie S. Ambrogio e B. V. Marcelliana

Johann Caspar Ferdinand Fischer (1656 – 1746)
Marcia in re maggiore

Georg Philipp Telemann (1681 – 1767)
La Grazia (da 12 Marce eroiche)

Georg Friedrich Händel (1685 – 1759)
The arrival of the Queen of Sheba
(trascrizione di John Walsh, 1665 – 1736)

Félix Alexandre Guilmant (1837 – 1911)
Marche religieuse sur un thème de Händel
Suor Maria Eletta Pierandrei
Due Marce

Oreste Ravanello (1871 – 1938)
Marcia dei Re Magi

Polibio Fumagalli (1830 – 1900)
Marcia campestre

Jean-François Dandrieu (1682 – 1738)
Tous les bourgeois de Chartres

Louis James Alfred Lefébure-Wély (1817 – 1870)
Marche funèbre op. 148

Henri Dallier (1849 – 1934)
Sortie du cortège nuptial

Léon Boëllmann (1862 – 1897)

Orchestra Filarmonica “Città di Monfalcone”, Coro “Città di Trieste”

MERCOLEDÌ 22 NOVEMBRE 2017 ORE 20.45 | ‘900&oltre – Teatro Comunale di Monfalcone
Fuori abbonamento – Ingresso libero
(posto riservato per gli abbonati alla stagione musicale)

Orchestra Filarmonica
“Città di Monfalcone”
Coro “Città di Trieste”

Stefano Lapel maestro del coro
Alessia Zucca pianoforte
Cristina Semeraro direttore

Ludwig van Beethoven (1770 – 1827)
Sinfonia n. 5
Fantasia in do minore op. 80
per pianoforte, coro e orchestra

Quartetto Guadagnini – 20 novembre 2017

Ospite di ‘900&oltre, la rassegna dedicata alla musica contemporanea e al Novecento storico, lunedì 20 novembre alle 20.45 arriva al Comunale il Quartetto Guadagnini, giovane quartetto d’archi che nel 2014 si è imposto nell’ambito del prestigioso Premio Franco Abbiati.  Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte” (rassegna di incontri organizzata dal Comune e dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia), avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura degli artisti.
Attento alla letteratura per quartetto del periodo classico e romantico ma anche a quella del nostro tempo, il Guadagnini apre il concerto monfalconese con il Kaiserquartett di Haydn, per dedicarsi quindi a pagine di Borodin, Wolf e del giovane compositore Gabriele Blasco (classe 1991), di cui esegue il Quartetto di Cracovia.

Progetto “Dentro la scena – Musica” INCONTRO CON QUARTETTO GUADAGNINI / PREMIAZIONE CONCORSO “I GIOVANI PER IL TEATRO 16-17”

Primo appuntamento di “Dentro la scena – Musica”. Lunedì 20 novembre, con inizio alle ore 10.30, il Quartetto Guadagnini (archi) incontrerà gli studenti presso il Teatro Comunale di Monfalcone (corso del Popolo, 20). All’inizio della matinée, avrà luogo la premiazione dell’edizione 2016-2017 del concorso riservato alle scuole “I giovani per il Teatro”, promosso dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone” con l’obiettivo di favorire l’avvicinamento dei più giovani all’offerta musicale del Teatro, che premia le scuole che partecipano alle matinée musicali di “Dentro la scena” ed ” A teatro con mamma e papà”.
Queste le scuole che, grazie alla loro presenza alle matinée della stagione 2016-2017, si sono classificate ai primi posti:
1^-scuola media Alighieri di Staranzano
2^- a pari merito scuole primarie Sauro e Toti di Monfalcone.
L’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone” ha ritenuto, inoltre, di segnalare la scuola dell’infanzia Il Germoglio di Monfalcone, che ha più volte coinvolto nelle matinée musicali di “Dentro la scena” i suoi piccoli allievi.

Dieci piccoli indiani…e non rimase nessuno

Martedì 14 e mercoledì 15 novembre 2017 alle 20.00, al Bar del Teatro comunale di Monfalcone, nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di risparmio di Gorizia , Paolo Quazzolo, docente di Storia del Teatro all’Università degli Studi di Trieste, presenta al pubblico lo spettacolo in scena alle 20.45 “Dieci piccoli indiani… E non rimase nessuno!”, tratto dal capolavoro di Agatha Christie del 1939.
Nel 1943 la Christie adattò il romanzo per il palcoscenico (rimase in cartellone a Broadway per 426 repliche), trasformando il finale drammatico in un lieto fine, ma la versione teatrale diretta dal regista spagnolo Ricard Reguant, per la prima volta nella storia della commedia, ripropone il finale del romanzo.
Sul palcoscenico, dieci grandi protagonisti della scena italiana, di generazioni e background artistici differenti, per la prima volta tutti insieme.

5 novembre 2017 -Tölzer Knabenchor –

Il coro di voci bianche, che nel maggio 1983 aveva inaugurato il teatro comunale di Monfalcone, nell’inedito orario domenicale e pomeridiano ( che ci è parsa una scelta positiva) ha incantato il pubblico e ne ha catturato l’attenzione con un programma che ha spaziato dalla musica classica a quella popolare. Davvero bravi ! E bravi anche il loro direttore Christian Fliegner ed il pianista Clemens Haudum.

3 novembre 2017 – Altro Teatro – Un bès / Antonio Ligabue di e con Mario Perotta

Ad aprire la rassegna AltroTeatro, al Teatro Comunale di Monfalcone venerdì 3 novembre 2017 alle 20.45, è lo spettacolo Un bès – Antonio Ligabue, storia di marginalità, arte e follia che Mario Perrotta, vero e proprio campione del teatro di narrazione, più volte ospite del Teatro, dedica al pittore Antonio Ligabue.
In Un bès, prima parte di una pluripremiata trilogia (Premio Ubu come Migliore attore e Migliore progetto, Premio Hystrio come Migliore spettacolo, Premio ANCT al Progetto), Perrotta si inventa una straordinaria maschera verbale emiliana ed evoca lo stato di straziante solitudine che segna Ligabue e il suo delirio ossessivo.
Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione dello spettacolo a cura di Roberta Sodomaco.

Angela Hewitt: “The Bach Odyssey”

La stagione musicale del Teatro Comunale di Monfalcone si apre, giovedì 26 ottobre 2017 alle 20.45, con un omaggio a J. S. Bach. Sarà la pianista Angela Hewitt a inaugurarla con un programma  dedicato al Maestro di Eisenach.
“Non c’è musica più grande del Clavicembalo ben temperato, delle sue Suite, delle Goldberg, delle Toccate” scrive la Hewitt a proposito del compositore di cui ha registrato tutte le maggiori opere per tastiera (incisioni che The Sunday Times ha definito “una delle glorie discografiche dei nostri tempi”).
A circa un anno dall’inizio di “The Bach Odyssey”, un grande progetto che prevede l’esecuzione di tutte le opere per tastiera di Bach nel corso di quattro anni, Angela Hewitt torna al Comunale con quattro incantevoli pagine: le Partite 3, 5 e 6 e la Suite in la maggiore.
Alle 20.00, nel foyer, nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Federico Pupo, direttore artistico della stagione musicale, presenta il concerto.

m1718-01s

La stagione inizia con La febbre del sabato sera

Ci siamo, la stagione di Prosa del teatro Comunale di Monfalcone inizia alle 20.45 di martedì 24 ottobre 2017 con uno spettacolo all’insegna dei ricordi dei bei tempi passati.
Con “La febbre del sabato sera” esplodono sul palcoscenico del Comunale i meravigliosi anni Settanta: anni d’oro della rivendicazione dei diritti, dell’emancipazione femminile…… e della disco music.

Alle 20.00 nel foyer saluto inaugurale

22491660_1889296114417897_1777181190728378926_n

E’ tornata Opera al Cinema

normaE fin dalla prima edizione l’Associazione collabora all’iniziativa ( per leggere tutto il programma delle opere e balletti, qui a fianco trovate il link al sito internet del Kinemax)

TORNA “GALLERIA MUSICALE”

Prima dell’inizio della stagione in teatro ricomincia ” Galleria Musicale”, in luoghi vecchi e nuovi…..

Mu(si)ca al Muca! 

Torna “Galleria Musicale”, la fortunata rassegna che prevede l’esecuzione di alcuni concerti alla Galleria Comunale d’Arte Contemporanea (piazza Cavour 44) e, novità di quest’anno, al MuCa – Museo della Cantieristica (via del Mercato 3 – Panzano). I concerti si tengono, infatti, a corredo delle mostre Marcello Mascherini – Lo scultore dei transatlantici (allestita al MuCa fino al 10 dicembre) e Gli architetti del quartetto Boico, Frandoli, Cervi e Nordio (in programma alla Galleria fra novembre e dicembre).

Curata da Federico Pupo, direttore artistico della stagione musicale del Teatro Comunale, “Galleria Musicale” è realizzata in collaborazione con i Conservatori “Tartini” di Trieste e “Tomadini” di Udine. I concerti hanno inizio alle ore 11.00.

Ad aprire la rassegna, domenica 15 ottobre al Museo della Cantieristica, è l’ESSE4 saxophone quartet (Shved Tsimur sax soprano / Francesco Facca sax alto / Davide Yiqiang Bandirali sax tenore / Mia Fiorencis sax baritono), che propone pagine di George Gershwin, Pedro Iturralde, Thierry Escaich, Pepito Ros, Javier Girotto, Astor Piazzolla.
Domenica 29 ottobre, sempre al MuCa, è la volta del fisarmonicista Michele Toppo, che ha rappresentato l’Italia alla “Coupe Mondiale” di fisarmonica del 2016 in Russia, con un repertorio che spazia da Domenico Scarlatti a Vladimir Zubitsky, da Sergej Voitenko a Turner Layton.
È un suggestivo concerto per arpa quello di domenica 19 novembre alla Galleria Comunale d’Arte Contemporanea. Paola Gregoric, che vanta numerosi premi nazionali e internazionali, esegue pagine di Félix Godefroid, Claude Debussy, Paul Hindemith, Georges Bizet, Johann Sebastian Bach e Bernard Andrès.
Chiude la rassegna, domenica 3 dicembre alla Galleria, la giovane chitarrista Francesca Stura, che frequenta la Segovia Guitar Academy ed è protagonista di un articolato programma che va da Bach a Mauro Giuliani, fino a Manuel Ponce e Lennox Berkeley.

Ingresso ai concerti 1,00 €
Ingresso al MuCa come da tariffe del Museo; ingresso alla Galleria libero
Il giorno 15 ottobre (Giornata FAI d’Autunno) l’ingresso al MuCa è di 3,00 €

Prevendite
Biglietteria del Teatro Comunale (corso del Popolo 20, da lunedì a sabato, ore 17-19)
Biblioteca Comunale (via Ceriani 10)
MuCa e Galleria Comunale d’Arte Contemporanea (solo la mattina del concerto)

Una nuova stagione….dietro le quinte.

Il 7 settembre è stata presentata pubblicamente la stagione 2017-2018 del Teatro Comunale di Monfalcone. Noi dell’associazione ci saremo , come già da qualche anno, per ” Dietro le Quinte” – gli incontri nel foyer organizzati assieme al Comune

e con il contributo della logo fondazione

che, alle 20.00, precederanno tutti gli spettacoli in cartellone. A presto, in teatro !

L'immagine può contenere: una o più persone

Si ricomincia…..

Apre il cantiere dei sogni

Giovedì 7 settembre, alle ore 17.30,
presso la Sala Conferenze della Biblioteca Comunale di Monfalcone (via Ceriani 10, 1° piano),
avrà luogo la conferenza stampa di presentazione
della stagione 2017-2018 del Teatro Comunale
.

Interverranno:
Anna Maria Cisint, Sindaco di Monfalcone
Michele Luise, Assessore alla Cultura
Federico Pupo, Direttore artistico della stagione musicale
Renato Manzoni, Direttore dell’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia.

18 – 06 – 2017 Festival Risonanze – Malborghetto

Siamo stati a Malborghetto, alla giornata conclusiva del festival Risonanze. Qui, nel palazzo Veneziano, abbiamo visto ed intervistato gli artigiani al lavoro , non solo liutai , ma anche fabbricanti di archetti e clavicembali e visitato la mostra ” L’arte del violino al tempo di Stradivari”. Infine, in val Saisera, seduti sul prato con un magnifico panorama di montagne alle spalle e boschi all’intorno, abbiamo assistito al
Concerto “Il Pianoforte” della brava Leonora Armellini,
musica di Bach-Busoni, Beethoven, Chopin, Brahms, Prokofiev, Busoni.La pianista, che vanta un ottimo curriculum, tra l’altro studia e suona con Lilya Zilberstein , che abbiamo potuto ascoltare la scorsa stagione al teatro comunale di Monfalcone. Una bella giornata.

Benvenuto e buon lavoro !

Il nuovo direttore artistico della stagione musicale del teatro comunale di Monfalcone è stato presentato il 14 giugno alla consulta delle associazioni culturali.

In realtà si è trattato di un saluto, ma il maestro Federico Pupo , dopo averci raccontato di seguire da tempo l’attività del nostro teatro, ci ha detto alcune cose interessanti. Tra l’altro, che per lui non c’è la musica antica, jazz, classica o romantica….. ma che tutta la musica diviene attuale nel momento in cui viene eseguita ed ascoltata (….più o meno, riassumendo). Ha poi anticipato che la prossima stagione si aprirà e si chiuderà con Bach…ma che non ci dice ancora come. Benvenuto e buon lavoro !

Nominato il nuovo direttore della stagione musicale del teatro comunale di Monfalcone

Mercoledì 14 giugno alle 16.00 è stata convocata, presso la sala della biblioteca, la Consulta delle associazioni culturali del comune di Monfalcone. All’ordine del giorno : incontro con il nuovo direttore della stagione musicale del teatro comunale, M° Federico Pupo, al quale facciamo i nostri migliori auguri.  Siamo in attenta, speranzosa (e curiosa) attesa ! Nel frattempo, come associazione, ci siamo preparati e resi disponibili per la prossima edizione di Dietro le Quinte/Incontri nel foyer…..

20/4/2017 – Elisso Virsaladze –

La stagione di musica del Comunale di Monfalcone sta per terminare, con un appuntamento di assoluto rilievo, giovedì 20 aprile alle ore 20.45.

Prima del concerto, alle ore 20.00, nell’ambito della rassegna Dietro le Quinte, organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Katja Kralj introdurrà il pubblico all’ascolto.

A tutti un augurio di una felice Pasqua ed un arrivederci .

La stagione vede in chiusura una grande pianista russa (o meglio georgiana), Elisso Virsaladze.

Per gli appassionati è un nome mitico. Mitico non solo per il prestigio della sua carriera (vincitrice del Concorso “Schumann” a Zwickau, docente al Conservatorio di Mosca e alla Musikhochschule di Monaco di Baviera, partner in duo della violoncellista Natalia Gutman e di direttori come Temirkanov, Muti, Sawallisch, Kondrashin e Pappano con le più grandi orchestre) ma anche per la sua “storia” artistica, che l’ha vista nascere e crescere alla scuola pianistica di Yakov Zak e di Heinrich Neuhaus, fra i maggiori maestri del Novecento.
Una scuola – che ha annoverato fra i suoi studenti anche Sviatoslav Richter – attenta ai valori spirituali della musica, alla poesia dell’interpretazione e dell’esecuzione piuttosto che alla esibizione pianistica fine a se stessa. Richter stesso testimoniò sempre la sua più grande ammirazione per quella che era per lui “la miglior donna pianista, una artista di grande nobiltà, l’interprete di eccellenza di Schumann”.

Elisso

Programma

Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)
Sonata in si bemolle maggiore K 333

Fryderyk Chopin (1810 – 1849)
Barcarola in fa diesis maggiore op. 60

Berceuse in re bemolle maggiore op. 57

Polonaise Fantaisie op. 61

***

Robert Schumann (1810 – 1856)
Fantasiestücke op. 12

Franz Liszt (1811 – 1886)
Widmung (da Robert Schumann)

Rhapsodie espagnole

07/4/2017 – Orchestra di Padova e del Veneto – Laura Polverelli

Concerto di grande richiamo, venerdì 7 aprile alle 20.45, per il ritorno a Monfalcone dell’Orchestra di Padova e del Veneto, fra le orchestre più presenti nella storia del Teatro Comunale, diretta questa volta da Ariel Zuckermann.
Ad affiancare l’Orchestra Laura Polverelli, uno dei mezzosoprani più acclamati della sua generazione, presente nei maggiori teatri d’opera.
Il programma affianca tre grandi capolavori della musica romantica: l’Ouverture dall’opera Oberon di Weber, la raccolta vocale Les nuits d’été di Berlioz e la Sinfonia n. 3 di Schumann, nota con il titolo di “Renana”.

Nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia,  alle 20.00 al Bar del Teatro, avrà luogo una breve presentazione a cura di Filippo Juvarra, direttore artistico della stagione musicale.

Orchestra

04-05/4/2017 – Numero primo –

Il cartellone di prosa e la rassegna “contrAZIONI” del comunale di Monfalcone si chiudono, martedì 4 e mercoledì 5 aprile alle 20.45, con l’attesissimo spettacolo di e con Marco Paolini: Studio per un nuovo album – Numero primo.

Nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, mercoledì 5 aprile, alle 19.00 al Bar del Teatro, avrà luogo un incontro con Marco Paolini, a cura di Mario Brandolin.
Quale è il rapporto di ciascuno di noi con l’evoluzione delle tecnologie? Quanto tempo della nostra vita occupano? Quanto sottile è il confine fra intelligenza biologica e intelligenza artificiale? Se raccontare storie ambientate nel futuro prossimo è un esercizio confinato nel genere della fantascienza (molto praticata da letteratura e cinema ma poco diffusa a teatro), allora Numero primo è un esperimento di fantascienza narrata a teatro ma agli autori, Marco Paolini e Gianfranco Bettin, non piace chiamarla così.

27/3/2017 – Quartetto Voce e Pierre Cussac –

La stagione musicale del Comunale di Monfalcone prosegue, lunedì 27 marzo alle 20.45, con un concerto di grande suggestione che vede protagonisti il Quartetto Voce – giovane quartetto d’archi francese che nel 2013 ha conquistato il titolo di “Rising Stars” da parte di ECHO – e il fisarmonicista Pierre Cussac.
Attenti alla musica contemporanea e ai repertori più diversi, il Voce e Cussac propongono un programma di grande originalità, con brani scritti per diversi tipi di fisarmonica: il bayan (la fisarmonica russa alla quale Sofia Gubaidulina ha dedicato il magnifico De Profundis), il bandoneón, lo strumento di Astor Piazzolla (di cui è in programma Tango Sensations) e la fisarmonica da concerto, per la quale il franco-argentino Gabriel Sivak ha composto Nadando en la nada.
In programma anche le Bagatelle op. 47 di Dvořák, i 5 Pezzi per quartetto di Schulhoff e La Oración del Torero, fra le pagine più famose del compositore spagnolo Joaquín Turina.
Nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 19.00 al Bar del Teatro, avrà luogo un incontro con i componenti del Quartetto Voce e con Pierre Cussac.

Quatuor VoceCussac

 

24/3/2017 – Mi chiamo Aram e sono italiano –

La rassegna “contrAZIONI prosegue  al Comunale di Monfalcone , venerdì 24 marzo alle 20.45, con Mi chiamo Aram e sono italiano, lo spettacolo che vede protagonista Aram Kian, scritto insieme a Gabriele Vacis: il ritratto tipico di un trentenne italiano, ma se il trentenne in questione si chiama Aram e ha un padre iraniano, le cose si complicano un po’…
In bilico fra incanto, ironia e tragedia, Mi chiamo Aram e sono italiano racconta la storia dei nuovi italiani, i figli degli immigrati, le cosiddette “seconde generazioni”, e attraverso la voce di Aram Kian, protagonista di questa storia e del monologo, offre uno sguardo al futuro di una società che sta imparando a dare un significato all’aggettivo “multietnico”.
Nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata dal Comune e dall’ Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 19.00 al Bar del Teatro, avrà luogo un incontro con Laura Blasich e Katia Bonaventura, curatrici del progetto “Per la seconda generazione”, dedicato a Monfalcone; coordina l’incontro Roberto Franco (Associazione Culturale Etra).

21-22/3/2017 – Misura per misura –

La stagione di prosa del Comunale di Monfalcone prosegue, martedì 21 e mercoledì 22 marzo alle 20.45, con Misura per misura, commedia nera di Shakespeare, poetico thriller ante litteram. Dopo il grande successo di Riccardo III, Jurij Ferrini torna a Shakespeare con l’allestimento (di cui è regista e interprete) di questo affascinante “problem play”. Nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, il 21 e 22 marzo, alle 20.00 al Bar del Teatro, avrà luogo una breve presentazione dello spettacolo a cura di  Luisa Vermiglio. A partire dalla vicenda del Duca di Vienna che si allontana dal potere per comprendere l’origine del peccato nella natura umana, si snoda una storia di rara bellezza e di fascino oscuro, in perfetto equilibrio fra dramma e commedia, che parla agli spettatori di grandi temi quali potere, giustizia e morale, passione e morte, bene pubblico e interesse individuale.
Ferrini

17/3/2017 Sogno di una notte di mezza estate

Palmanova, 15/04/2016 - Mitteleuropa Orchestra - Foto Luca d'Agostino © Phocus Agency

Concerto nel segno della contaminazione fra musica e prosa quello in programma venerdì 17 marzo alle 20.45. Dopo il grande successo riscosso nella passata stagione da Egmont, l’opera di Goethe con le musiche di scena di Beethoven, si rinnova la collaborazione con il Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e la Mitteleuropa Orchestra. Diretta da Michele Carulli e affiancata dal Piccolo Coro Artemìa e dagli attori Adriano Braidotti, Ester Galazzi e Francesco Migliaccio, la Mitteleuropa Orchestra mette in scena le musiche che Mendelssohn scrisse per il Sogno di una notte di mezza estate, la splendida commedia fantastica di Shakespeare: l’Ouverture op. 21 e le musiche di scena op. 61.

Nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 20.00 al Bar del Teatro, avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura di Franco Però, direttore del Teatro Stabile del FVG.

08-09/3/2017 – Cristicchi e Il secondo figlio di Dio

 

Torna al Comunale di Monfalcone, mercoledì 8 e giovedì 9 marzo alle 20.45Simone Cristicchi, autore e interprete de Il secondo figlio di Dio. Vita, morte e miracoli di David Lazzaretti.
Diretto da Antonio Calenda, Cristicchi torna a stupire il pubblico con una storia poco frequentata ma di grande fascino, quella di David Lazzaretti, detto il “Cristo dell’Amiata”, un mistico di fine Ottocento capace di unire religione e giustizia sociale. Fra canzoni inedite e recitazione, Cristicchi ricostruisce il sogno rivoluzionario di Lazzaretti, quello di una società più giusta, fondata su istruzione, solidarietà e uguaglianza.
Nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia,   i giorni 8 e 9 marzo, alle 20.00 al Bar del Teatro, avrà luogo una breve presentazione dello spettacolo a cura del critico teatrale Roberto Canziani.

03/3/2017 – Viola vs violino : una disputa in musica

Concerto nel segno della contaminazione fra musica e prosa quello in programma al Comunale di Monfalcone venerdì 3 marzo alle 20.45. Enrico Bronzi (violoncello), Vittorio e Lorenzo Ghielmi (viola da gamba e clavicembalo) e Luca Pianca (liuto) – quattro eccellenze strumentali italiane – mettono in scena, con la voce recitante di Luciano Bertoli, La difesa della viola da gamba contro le imprese del violino e le pretese del violoncello, trattato del 1740 che racconta la disputa fra la viola da gamba e il violoncello, fra la tradizione della musica francese e la nuova musica italiana. Un confronto anche fra diversi stili compositivi, quello di Marais e Forqueray da un lato e di Geminiani e Vivaldi dall’altro.
Nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 20.00 al Bar del Teatro, avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura di Enrico Bronzi e Vittorio Ghielmi.

23/02/2017 – Quintetto Anemos

Fondato nel 2008, il giovane quintetto a fiati Anemos (in greco vento) si è già imposto a diversi concorsi internazionali ed è stato scelto dal CIDIM (Comitato Nazionale Italiano Musica) per la circuitazione concertistica in Italia dedicata ai giovani solisti e complessi.
Il programma che presenta al Comunale di Monfalcone, giovedì 23 febbraio alle 20.45, offre un’interessante panoramica della letteratura europea per quintetto a fiati del ‘900, compresa fra il 1922 (Hindemith), gli anni Trenta e Quaranta (Ibert, Milhaud, Arnold e Rota) e il 1953 (Ligeti). A completare il programma, un brano contemporaneo in prima esecuzione assoluta: Alba di un Respiro, della giovane compositrice Maria Beatrice Orlando (1991).

Nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’associazione Per il Teatro di Monfalcone,con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia,  alle 20.00 al Bar del Teatro, avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura degli artisti e della compositrice Maria Beatrice Orlando, tutti provenienti dalla nostra regione.

Anemos

21 /02 /2017 – Non c’è acqua più fresca –

La rassegna “contrAZIONI – nuovi percorsi scenici” al Comunale di Monfalcone propone, martedì 21 febbraio alle 20.45, Non c’è acqua più fresca – Volti, visioni e parole dal Friuli di Pier Paolo Pasolini, uno spettacolo di Giuseppe Battiston (la drammaturgia è di Renata Molinari), che vede in scena lo stesso Battiston e il cantautore Piero Sidoti.
Nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata dal Comune e dall’Associazione per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 19.00 al Bar del Teatro, avrà luogo un incontro con la drammaturga Renata Molinari, a cura di Mario Brandolin.

“Quelle parole così mie, quei suoni, proprio quelli di mio padre, quella lingua che si parlava a tavola, mi raccontavano quella terra di primule e temporali, di feste e sagre paesane, di vento, di corse in bicicletta a perdifiato, dell’avvicendarsi delle stagioni nel lavoro dei contadini”. Così scrive Battiston a proposito dei versi in lingua friulana di Pasolini. E ci guida in un “viaggio di ritorno”, anche autobiografico, ai luoghi della sua infanzia, alla vita e al tempo evocati da quella poesia, restituendoci la bellezza del grande laboratorio di poesia di Pasolini.

Udine, 31/10/2015 - Teatro Palamostre - Non c'è acqua più fresca - uno spettacolo di Giuseppe Battiston - drammaturgia Renata M. Molinari - regia e spazio scenico Alfonso Santagata - interpreti Giuseppe Battiston e Piero Sidoti - disegno luci Andrea Violato - canzoni e musiche originali dal vivo Piero Sidoti - produzione CSS Teatro stabile di innovazione del FVG - Foto Luca d'Agostino/Phocus Agency © 2015

14-15/02/2017 – Il casellante

Martedì 14 e mercoledì 15 febbraio, al Comunale di Monfalcone alle 20.45, è di scena Il casellante, spettacolo tratto dall’omonimo romanzo di Andrea Camilleri che vede protagonista Moni Ovadia.

Nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, mercoledì 15 febbraio, alle 19.00 al Bar del Teatro, Moni Ovadia incontra il pubblico; conduce l’incontro Mario Brandolin.
Dopo il successo delle trasposizioni per il teatro de Il birraio di Preston e La concessione del telefono, Andrea Camilleri e Giuseppe Dipasquale, che firma la regia, tornano nuovamente insieme per proporre al pubblico una nuova avventura tratta dai racconti dello scrittore siciliano, una vicenda affogata nel mondo mitologico di Camilleri, che vive di personaggi reali ma trasfigurati dalla sua fantasia.
Il casellante è il racconto delle trasformazioni e del dolore della maternità negata e della guerra, ma è anche il racconto in musica, divertito e irridente, del periodo fascista nella Sicilia degli anni Quaranta.
Insieme a Moni Ovadia, sulla scena, Valeria Contadino e Mario Incudine e, a eseguire dal vivo musiche e canzoni, Antonio Vasta e Antonio Putzu.

10/2/2017 – Le strade del cuore –

Con piacere segnaliamo il concerto che il prossimo 10 febbraio si terrà al Teatro Comunale di Monfalcone. Molti di voi ricorderanno la partecipazione di questi ed altri eccellenti artisti al concerto che la nostra associazione organizzò ad ottobre 2015 nella chiesa della Beata Vergine Marcelliana. Quell’evento si situava nell’ambito dell’iniziativa il segno il suono, attuata  in memoria del nostro, indimenticabile ed indimenticato, vice presidente Franco Rocco, scomparso il 5 marzo dello stesso anno.  Assistere a questo concerto ed all’incontro che alle ore 20.00 lo precederà nel foyer del teatro sarà, per molti di noi, anche un ulteriore, bel modo di ricordare Franco.

Le strade del cuore

Autore di testi, cantante e attore, Marco Beasley ha lasciato dopo trent’anni di attività Accordone, il gruppo da lui fondato nel 1984, dalla straordinaria carriera internazionale, per intraprendere una strada ancora più personale e autonoma.
Lo testimonia il programma Le strade del cuore, in cartellone venerdì 10 febbraio alle 20.45, che Beasley presenta con Stefano Rocco e Fabio Accurso. Un viaggio nel cuore del Rinascimento italiano tra frottole, tarantelle e parole d’amore. Dalle corti lombarde alle tradizioni musicali nate nel territorio del Regno delle due Sicilie, dove si incontrano le culture del Mediterraneo orientale e occidentale. Le strade del cuore sono percorse dal desiderio di sentire queste musiche accostarsi a persone e a luoghi a noi cari, di evocare racconti e situazioni e fare di questo ricordo un momento di felicità, qualche volta velato di mistero e malinconia.

Nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 20.00 al Bar del Teatro, avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura di Marco Beasley.

le strade del cuore

7-8/2/2017-Calendar Girls

Dopo il successo record della prima stagione, torna nei teatri Calendar Girls, primo allestimento italiano della commedia in scena in Inghilterra dal 2008, al Comunale di  Monfalcone i giorni 7 e 8 febbraio (ore 20.45).
Calendar Girls si ispira a un fatto realmente accaduto alla fine degli anni Novanta, quando un gruppo di donne fra i 50 e i 60 anni si impegna in una raccolta di fondi. Stanche di vecchie e fallimentari iniziative di beneficenza, decidono di realizzare un calendario che le vede ritratte in normali attività domestiche ma… Senza vestiti! L’iniziativa riscuote un grandissimo successo: vendite del calendario alle stelle e ribalta internazionale per le sue originali modelle. Ma l’improvvisa e inaspettata fama mette a dura prova le protagoniste…
A capitanare un fortissimo gruppo di attrici estrose e ardite sono Angela Finocchiaro, Laura Curino e Ariella Reggio.

Nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 20.00 al Bar del Teatro, il critico teatrale Roberto Canziani presenta  lo spettacolo al pubblico.       

3/2/2017 – Dieci storie proprio così

Ospite della rassegna “contrAZIONI”, al Comunale di Monfalcone venerdì 3 febbraio alle 20.45, in esclusiva regionale, è di scena Dieci storie proprio così, opera-dibattito sulla legalità, parte integrante di un progetto di collaborazione fra teatri, carceri, scuole e società civile: “Il palcoscenico della legalità”.
Fra i promotori del progetto figurano Libera, la Fondazione Giovanni e Francesca Falcone, il Centro Studi Paolo Borsellino.

Nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata dal Comune e dall’associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 20.00 al Bar del Teatro, avrà luogo un incontro con Emanuela Giordano, autrice e regista dello spettacolo.
Dieci storie proprio così racconta le vittime innocenti della criminalità organizzata, storie di impegno civile e riscatto sociale, di responsabilità individuali e collettive. Una toccante testimonianza corale che ha il colore del coraggio, quello dimostrato dalle associazioni di ragazzi caparbi, e della tenacia, quella dei parenti delle vittime e di tutti gli italiani che fanno della memoria un diritto inalienabile.
Partendo dall’esperienza della Campania, lo spettacolo si è arricchito con storie di dolore e riscatto della Sicilia e del Lazio. Dal 2017, in occasione dei 25 anni dalle stragi di Capaci e via D’Amelio, viene presentata una nuova versione con un approfondimento su Mafia Capitale e sui legami tra ‘Ndrangheta calabrese e Lombardia.

26/1/2017 – Concerto della pianista Lilya Zilberstein

La stagione musicale del Comunale di Monfalcone prosegue, giovedì 26 gennaio alle 20.45, con il concerto della grande pianista russa Lilya Zilberstein. Nella sua prestigiosa carriera internazionale, il rapporto con l’Italia ha avuto un posto speciale: lo confermano il Primo Premio al Concorso “Busoni”, quello dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena, la collaborazione con Claudio Abbado e l’attività discografica con lui realizzata per Deutsche Grammophon.
Nel programma del concerto, accanto a opere molto note come i 6 Momenti musicali op. 94 di Schubert e la Fantasia quasi sonata “Après une lecture de Dante” di Liszt, troviamo una scelta di quattro delle 8 Novellette op. 21 di Schumann e Quelques Dances op. 26 di Chausson.
Il concerto è dedicato alla memoria del Maestro Anton Nanut, scomparso il 13 gennaio. Protagonista nel nostro Teatro di molti memorabili concerti sinfonici, Nanut aveva un legame profondo con Monfalcone, sancito nel 2012 dal conferimento del Sigillo della Città.

Alle 20.00, al Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Comune e dall’Associazione per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura della critica musicale Katja Kralj.

25/1/2017 Angelicamente anarchici

La rassegna “contrAZIONI – nuovi percorsi scenici”, dedicata alla drammaturgia contemporanea e alla scena emergente, prosegue al Comunale di Monfalcone  mercoledì 25 gennaio alle 20.45, con lo spettacolo Angelicamente anarchici – Fabrizio De Andrè e Don Andrea Gallo.
Michele Riondino dà voce a Don Gallo, sacerdote di strada, e racconta il suo quinto Vangelo, quello secondo Fabrizio De Andrè. Dice Don Gallo: “è la mia Buona Novella laica. Scandalizza i benpensanti ma è l’eco delle parole dell’uomo di Nazareth che, ne sono certo, affascinò il mio amico Fabrizio”.
Questo “Vangelo laico” rivive attraverso alcune delle più belle canzoni del grande poeta, nelle quali Don Gallo rintracciò il nucleo del messaggio evangelico. Un messaggio penetrante e universale, fatto di coscienza civile, comprensione umana, guerra all’ipocrisia e desiderio di riscatto per gli emarginati.

Nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata dal Teatro e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone , con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 20.00, al Bar del Teatro, Roberta Sodomaco presenta lo spettacolo al pubblico.

Angelicamente anarchici*Fabrizio De Andrè*e Don Andrea Gallo foto

17-18/ 1 / 2017 Casa di Bambola

La stagione di prosa al Comunale di Monfalcone prosegue, martedì 17 e mercoledì 18 gennaio alle 20.45, con Casa di bambola, la celebre pièce di Ibsen nella rilettura di Roberto Valerio, che firma adattamento e regia.
Rappresentato per la prima volta nel 1879, Casa di bambola suscitò ovunque scandalo e polemica perché considerato un esempio di femminismo estremo.
Nora è sposata con l’avvocato Torvald Helmer, che la considera alla stregua di un grazioso animale domestico. Nora vive in questa gabbia famigliare, intrappolata nel ruolo che le è stato assegnato, tormentata dal desiderio di ribellione, fino a intraprendere un cammino doloroso verso la maturità.
Il testo di Ibsen si rivela, ancora una volta, un’opera di grande modernità, complessa e seducente. Attraverso una rielaborazione scenica di questo grande classico, complici l’intensa regia di Roberto Valerio e l’interpretazione elegante e inquieta di Valentina Sperlì, si approda a uno spettacolo il cui centro è “il dramma nudo”.

Nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata dal Teatro e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 20.00 al Bar del Teatro, Mario Brandolin presenta lo spettacolo al pubblico.

Casa di bambola foto

13 gennaio 2017 – Manuel Tomadin

La stagione musicale al Comunale di Monfalcone prosegue, venerdì 13 gennaio alle 20.45, con il concerto che vede protagonista Manuel Tomadin, artista molto conosciuto nella nostra regione soprattutto come organista (attività per la quale ha ricevuto prestigiosi riconoscimenti nazionali e internazionali). Il concerto in cartellone lo vede invece nella veste più rara di clavicembalista, con un programma diviso fra la musica tedesca e quella italiana, fra lo “Stylus fantasticus“ e “Il basso albertino e la sua cantabilità“: repertori nei quali Tomadin ha realizzato importanti incisioni discografiche.
Complice di questo originale percorso musicale, il bellissimo clavicembalo italiano di G. B. Giusti (1681) in una copia di Andrea Di Maio.

Alle 20.00, nel Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte”, rassegna organizzata dal Teatro e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia,  avrà luogo una breve presentazione del concerto a cura dello stesso Tomadin.

 

Manuel Tomadin foto

 

 

 

10-11/1/2017 – Sorry Boys

Ospite della rassegna “contrAZIONI”, martedì 10 e mercoledì 11 gennaio, torna al Comunale Marta Cuscunà, autrice e interprete dello spettacolo Sorry, boys, grazie al quale ha conquistato la nomination al Premio UBU (l’Oscar del teatro italiano) come migliore attrice.

Terza tappa del suo “progetto sulle Resistenze femminili”, Sorry, boys parte dalla storia delle 18 ragazze di Gloucester che avrebbero segretamente pianificato la gravidanza per allevare i bambini in una specie di comune femminile. Ma questo è soltanto il punto di partenza. Gloucester è anche la cittadina dove i casi di violenza maschile in famiglia raggiungono numeri impressionanti. E dove 500 uomini hanno marciato nelle strade per sensibilizzare la comunità al problema. A percorrere Sorry, boys, quindi, è l’idea che lo sconvolgente patto delle ragazze e la marcia degli uomini siano in qualche modo collegati, e che tutto questo abbia a che fare con il modello di mascolinità che la società impone agli uomini.
Nel nero della scena, due schiere di teste mozze, tutte straordinariamente animate da Marta Cuscunà.

Nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata dal Teatro e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia,  alle 20.00 al Bar del Teatro, il critico teatrale Roberto Canziani presenta lo spettacolo al pubblico.

Sorry, boys*Dialoghi su un patto segreto per 12 teste mozze foto

15 dicembre 2016 – Il Milione ovvero il libro delle Meraviglie

La stagione musicale al Comunale di Monfalcone prosegue, giovedì 15 dicembre alle 20.45, con il concerto Il Milione ovvero il libro delle meraviglie, che vede protagonisti l’ensemble di musica medievale laReverdie, David Riondino quale voce narrante e i musicisti Rana Shieh e Elena Baldassarri.
Dalla lettura di quest’opera è nata l’idea di costruire una sorta di colonna sonora di alcune tappe del racconto di viaggio. È l’evocazione di un mondo meraviglioso ed esotico con una logica e uno stile profondamente legati al mondo medievale occidentale, in cui alla musica proveniente dall’ambiente veneto e francese coevo si affiancano le sonorità e i ritmi degli strumenti orientali.
Alle 19.00, nel Bar del Teatro, nell’ambito della rassegna Dietro le Quinte, organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia,  i musicisti de laReverdie e David Riondino incontreranno il pubblico.
Alle 18.00, alla Galleria Comunale d’Arte Contemporanea, avrà luogo una visita guidata (di circa 30′) alla mostra “Immaginario di viaggio. Zoran Mušic e Tranquillo Marangoni sulle motonavi Augustus e Giulio Cesare”; fra le opere in mostra, il magnifico arazzo di Mušic che rievoca Il Milione di Marco Polo.LaReverdie*David Riondino foto

 

 

13-14/12/2016 Smashed

Martedì 13 e mercoledì 14 dicembre 2016 alle 20.45 al Teatro Comunale di Monfalcone , Juggling, la più grande compagnia di giocoleria al mondo, in esclusiva regionale con lo spettacolo Smashed: un originale ibrido di giocoleria e Tanztheater (un omaggio a Pina Bausch), un “Tanzjonglage” per nove straordinari giocolieri, fra umorismo e senso dell’assurdo.   Alle 20.00, nel bar del teatro, nell’ambito degli incontri di Dietro le Quinte, organizzati dal Teatro e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Roberta Sodomaco presenta lo spettacolo al pubblico.

7/12/2016 Dietro le Quinte: Acciaio liquido, per non dimenticare

La stagione di prosa del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, mercoledì 7 dicembre alle 20.45, con lo spettacolo Acciaio liquido, primo appuntamento della rassegna “contrAZIONI – nuovi percorsi scenici, dedicata alla drammaturgia contemporanea e alla scena emergente.
Lo spettacolo racconta il dramma che, nel dicembre del 2007 (la notte fra il 5 e il 6), tocca nel profondo l’Italia intera, quando in un’acciaieria torinese, la ThyssenKrupp, perdono la vita in un incendio sette operai.
Nel segno del migliore teatro civile, Acciaio liquido mette in scena le storie di operai, dirigenti e parenti delle vittime, restituiti in tutta la loro complessità, senza prestare il fianco a retorica e ideologia. I formidabili attori diretti da Lara Franceschetti danno vita a uno spettacolo di forte tensione emotiva su verità e giustizia.

Nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, alle 20.00 al Bar del Teatro , Roberta Sodomaco ci farà una breve presentazione dello spettacolo.   Grazie a Roberta….ed auguriamoci che questa contrAZIONI non sia davvero l’ultima.

Dietro le Quinte: Nel segno di Cajkovskij

La stagione musicale del Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, venerdì 2 dicembre alle 20.45, con il concerto che vede protagonista lo straordinario Trio Čajkovskij, punto di riferimento della musica da camera internazionale dal 1975, quando si costituì a Mosca dall’incontro di Pavel Vernikov, Konstantin Bogino e Anatoly Liberman ,a cui è subentrato nel 2009 il violoncellista Alexander Chaushian.

Il Trio prende il nome dal grande compositore russo, di cui viene eseguito il Trio op. 50 “A la mémoire d’un grand artiste“ e una scelta dal ciclo pianistico Le stagioni op. 37. Completa il programma il Trio n. 3 di Anton Rubinštejn, che fu il pianista più popolare e acclamato del suo tempo.

 Alle 20.00, nel Bar del Teatro, nel contesto di Dietro le Quinte, incontri organizzati dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, Filippo Juvarra, direttore artistico della stagione musicale, illustra il concerto al pubblico.

Dietro le Quinte: da Bach a Stravinskij

La stagione musicale al Teatro Comunale di Monfalcone prosegue, venerdì 25 novembre alle 20.45, con il concerto che vede protagoniste alcune fra le migliori formazioni della nostra regione: il Coro del FVG diretto da Cristiano Dell’Oste, l’Orchestra San Marco di Pordenone, il Collegium Apollineum (orchestra con strumenti originali) e il pianista Federico Lovato. Direttore del concerto è Marco Feruglio, che propone un affascinante programma dedicato a J. S. Bach e Stravinskij.
È con Bach, infatti, che fino agli ultimi giorni vive Igor Stravinskij: sul leggio del suo pianoforte c’è il primo libro de Il clavicembalo ben temperato ancora aperto sul Preludio in mi bemolle minore che Stravinskij suonò il 3 aprile 1971, tre giorni prima di morire.

foto titoloIn programma, fra le altre pagine, lo straordinario Concerto in re minore per organo e orchestra di Bach e la Sinfonia di salmi di Stravinskij, sinfonia per coro e strumenti.

Alle 20.00, nel Bar del Teatro, nell’ambito di “Dietro le quinte” – incontri e presentazioni a corredo dei cartelloni di musica e prosa organizzati dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia,  – il direttore Marco Feruglio illustrerà al pubblico il concerto.

 

Dietro le Quinte: Il Quartetto Nous: razionalità e ispirazione

La stagione musicale al Comunale di Monfalcone prosegue, giovedì 17 novembre alle 20.45, con il concerto del Quartetto Noûs, quartetto d’archi composto da giovani strumentisti del Conservatorio della Svizzera italiana di Lugano, fondato nel 2011. In pochi anni il Noûs ha conquistato prestigiosi riconoscimenti (fra i più recenti il Premio “Rubinstein” della Fenice di Venezia e il “Piero Farulli” della critica musicale italiana) ed è stato ospite di importanti istituzioni musicali.
In programma due capolavori della letteratura quartettistica: il II Quartetto di Janáček e il Quartetto in re minore “La morte e la fanciulla” di Schubert; a questi si affianca il brano Come di tempeste del giovane compositore Daniele Ghisi (1984).

Alle 20.00, nel Bar del Teatro, nell’ambito della rassegna Dietro le Quinte, organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone , con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, i musicisti del Quartetto illustreranno al pubblico il concerto. Sarà presente anche il compositore Daniele Ghisi. Con loro dialognerà Filippo Juvarra, direttore artistico della stagione musicale.

Dietro le Quinte : Human

Martedì 15 e Mercoledì 16 novembre 2016, alle h. 20.00 nel bar del Teatro Comunale di Monfalcone, doppio appuntamento di Dietro Le Quinte, l’iniziativa organizzata dal Comune e dalla nostra Associazione, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia ; Luisa Vermiglio, protagonista ormai costante degli incontri a corredo della stagione, ci presenta Human, spettacolo scritto e interpretato da Marco Baliani e Lella Costa, musiche originali di Paolo Fresu.


Si parte dal mito – l’Eneide, il poema di Virgilio che celebra la nascita dell’impero romano da un popolo di profughi – per interrogarsi sul senso profondo del migrare. Poi il mito di Ero e Leandro, i due amanti che vivono sulle rive opposte dell’Ellesponto. Prende avvio così Human, dal tema delle migrazioni e dalla volontà di raccontarne l’”odissea ribaltata”.
In tournée sui palcoscenici italiani nella stagione 2016-2017, Human arriverà, in quella successiva, alle sedi istituzionali d’Italia e d’Europa, per innescare un rito di partecipazione sul significato profondo di Umanità.
Le testimonianze, le narrazioni, le riflessioni degli autori, i contributi di quanti vogliono esprimersi sull’argomento fanno parte del diario di viaggio dello spettacolo, on line su www.progettohuman.it

Dietro le Quinte – Laura Marzadori, Olaf John Laneri, Rocco de Cia

Cari soci ed amici, come molti di voi già sapranno, quest’anno l’iniziativa ” Dietro le Quinte “ , incontri con gli artisti e presentazioni degli spettacoli, organizzata dal Teatro comunale  e dalla nostra Associazione , si è allargata a coprire tutte le serate del cartellone, sia di musica che di prosa. Un impegno notevole, quindi, che speriamo incontri il gradimento del pubblico, il quale ha già ben risposto alle prime iniziative. L’intero programma degli incontri lo trovate nel libretto del programma della stagione 2016/2017 pubblicato dal Comune ed anche su questo sito.

Il prossimo incontro si terrà  giovedì 10 novembre 2016 , prima del concerto delle 20.45 ,  il secondo del ciclo triennale dedicato alle Sonate per violino e pianoforte di Beethoven, ciclo affidato a tre delle migliori giovani violiniste italiane, che vede quest’anno Laura Marzadori in duo con Olaf John Laneri.
La Marzadori ha recentemente vinto, a soli 25 anni, il Concorso internazionale per violino di spalla dell’Orchestra del Teatro alla Scala; fra le affermazioni più significative di Laneri, il secondo premio al prestigioso concorso “Busoni” e al World Music Piano Master di Montecarlo.
Tre le sonate di Beethoven in programma: l’op. 12 n. 3, l’op. 23 e la Sonata op. 30 n. 2. E proprio all’Adagio con molt’Espressione della Sonata op. 12 n. 3 si ispira il brano Perdendosi che il giovane compositore Rocco De Cia ha scritto per questo concerto.
Alle 20.00, nel Bar del Teatro, nell’ambito della rassegna Dietro le Quinte, organizzata dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia,  i due artisti ed il compositore illustreranno al pubblico il concerto.

foto titolo

Al Duomo di Spilimbergo

Cari soci ed amici, abbiamo organizzato per la mattinata di sabato 5 novembre una gita a Spilimbergo, per visitare principalmente il duomo, ma se facciamo in tempo daremo un’occhiata almeno dall’esterno anche ad altre interessanti costruzioni site nelle immediate vicinanze, in primis il castello. Il duomo contiene importanti opere d’arte, ma ( proseguendo nel percorso che già ci ha portati al museo del pianoforte antico di Ala di Trento, alla Basilica di Aquileia con i suoi due organi, al museo teatrale Carlo Schmidl di Trieste ed alla Mozartina di Paularo con le loro nutrite raccolte di strumenti musicali ) concentreremo la nostra attenzione sull’organo, costruito nel 1515 e decorato da Giovanni Antonio da Pordenone. Avremo la disponibilità di Lorenzo Marzona, il quale tra le sue numerose e qualificate attività annovera anche quella di organista nelle chiese di Spilimbergo. Egli ci illustrerà la chiesa e l’organo, al quale eseguirà per noi alcuni brani.  Partiremo alle 8.00 da Monfalcone, piazzale Salvo D’Acquisto per far rientro nel primo pomeriggio. Viaggeremo con automobili proprie, per cui il numero di partecipanti dipenderà anche dai posti a disposizione. Gli interessati telefonino al 338 1528403.

Il Duomo di Santa Maria Maggiore in Spilimbergo è uno dei più importanti edifici gotici in regione. Venne eretto nel 1284 per volontà del Conte Valterpertoldo. La facciata si presenta con ben sette occhi di cui due sono chiusi e tre entrate: una dalla piazzetta che immette nella cappella di San Michele, la maggiore sul fronte del Duomo e una, sicuramente la più bella, dal portale che si apre sul fianco sinistro, detto “Porta Moresca”. Essa, a opera dello scultore Zenone da Campione datata 15 agosto 1376 come dice l’iscrizione in alto,  è sormontata da una copertura di tre livelli di difesa e sotto ha diversi stemmi: quello della casa di Spilimbergo, del Vescovo o Patriarca di allora e quello di una famiglia sconosciuta. Racchiude inoltre un bassorilievo con l’incoronazione della Vergine. Il portale maggiore è anch’esso molto antico, lavorato in pietra e in passato finemente affrescato. L’interno del Duomo è a tre navate separate da archi a sesto acuto coperte da un soffitto a capriate a vista. A destra e a sinistra troviamo gli altari dedicati ai Santi a opera dei migliori artisti dell’epoca: Palma il Giovane e Giovanni Martini. Gli affreschi sono di scuola padovana. L’ imponente organo è stato costruito nel 1515 da Bernardino Vicentino e decorato da Giovanni Antonio da Pordenone. La Cripta conserva il Sarcofago in pietra di Walterpoldo VI di Spilimbergo, morto nel 1382. A ricordo della battaglia sull’Isonzo sostenuta da Leonardo di Spilimbergo nel 1472 fu eretto il bell’altare in pietra attribuito al Pilacorte.

 

Dietro le Quinte con gli Oblivion

La stagione di prosa del Comunale di Monfalcone si apre Giovedì 3 e venerdì 4 novembre alle 20.45 .

Danno il via al nuovo cartellone gli Oblivion con The Human Jukebox.

Inoltre segnaliamo che nell’ambito della rassegna “Dietro le quinte”, organizzata come sempre dal Teatro e dalla nostra Associazione, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, giovedì 3 novembre alle 20.00, al Bar del Teatro, a cura di Roberta Sodomaco, ha luogo una breve presentazione dello spettacolo.
Venerdì 4 novembre, invece, è in programma alle 19.00 un incontro con gli Oblivion
.

 

Un aperitivo inaugurale……

Giovedì 27 ottobre, alle 20.45, Mario Brunello e Andrea Lucchesini aprono la stagione musicale del Teatro Comunale di Monfalcone. In programma alcune fra le più belle pagine per violoncello e pianoforte. Due Sonate, di Grieg e di Šostakovič, e due brani solistici che presentano, in stili diversi, la Follia (danza di origine portoghese): le 12 Variazioni per clavicembalo di C. P. E. Bach e La Follia di Sollima per violoncello solo.
Ad anticipare il concerto, alle 20.00 nel Bar del Teatro, una breve presentazione a cura di Filippo Juvarra, direttore artistico della stagione musicale, e un aperitivo inaugurale

Dietro le quinte

A impreziosire la nuova stagione 2016/2017 torna , rinnovata ed arricchita,  “Dietro le quinte”, rassegna di incontri con gli artisti (alle ore 19.00) e presentazioni dei concerti e degli spettacoli (alle ore 20.00): brevi ma preziose guide all’ascolto e alla visione per godere al meglio di quel che accade sul palcoscenico.
Realizzata in collaborazione dalla Direzione del Teatro Comunale di Monfalcone e dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone”, con il contributo della

logo fondazione

la rassegna prevede oltre 30 appuntamenti, nella cornice informale del Bar del Teatro: l’occasione per condividere, attraverso l’ascolto e il dialogo, quanto proposto dai cartelloni e per stare insieme, emozionarsi e gustare qualcosa di buono.

foto titolo

 

 

 

 

SI RICOMINCIA ALLA GRANDE….

Mercoledì 7 settembre, alle ore 17.30,
presso la Sala Conferenze della Biblioteca Comunale di Monfalcone (via Ceriani 10, 1° piano),
avrà luogo la conferenza stampa di presentazione della stagione 2016-2017 del Teatro Comunale.

Interverranno:
Silvia Altran, Sindaco di Monfalcone
Paola Benes, Assessore alla Cultura
Filippo Juvarra, Direttore artistico della stagione musicale
Renato Manzoni, Direttore dell’Ente Regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia.

Vi aspettiamo!

 

BUONE VACANZE

Cari soci ed amici, dopo la visita alla Mozartina di Paularo  e la conclusione della seconda edizione della mostra “il segno il suono”, ricordando Franco Rocco,  inizia la nostra ” pausa estiva”.
Assieme alla direzione del Teatro Comunale , stiamo però già lavorando all’organizzazione delle nostre comuni attività per la stagione di prosa e di musica 2016/2017.
Come sempre, nell’ambito dell’iniziativa ” Dietro le Quinte” , proseguiremo con gli incontri nel foyer con gli artisti mentre, al posto delle conferenze degli esperti che la scorsa stagione si sono tenute nella biblioteca comunale, pensiamo a delle più brevi presentazioni da tenersi nel foyer prima degli spettacoli, attorno alle ore 20.00 ( sulla scorta di quanto già sperimentato con successo per la rassegna ContrAzioni).
Volentieri riproporremo il concorso ” I Giovani per il Teatro” , nell’ultima versione dedicata alla musica ed ai ragazzi delle scuole primarie di primo e secondo grado.
Allo studio, ma tutta ancora da verificare, la proposta di un mini corso di lezioni di storia della musica. Costituendo questa una nuova iniziativa, ci piacerebbe sapere che cosa ne pensate.

Il 2016 segna il quinto anno di attività dell’Associazione ” Per il Teatro di Monfalcone” , la quale,  mantenendo nel tempo gli ” incontri nel foyer” con esperti ed artisti, pur con alcune variazioni nelle loro modalità e luoghi di svolgimento ( oltre che a Monfalcone, anche nelle biblioteche di altri comuni vicini ) , ogni anno ha introdotto delle novità ( ve le elenchiamo sommariamente più sotto).
A noi piacerebbe continuare in questo alternarsi di iniziative consolidate (e quindi fortemente caratterizzanti la nostra attività) ed iniziative nuove, che, diversificando l’offerta, contribuiscono ad arricchirla ed auspicabilmente a renderla più interessante.
Tutto bene, dunque ? Sì, ma potrebbe ( e secondo noi dovrebbe) andare molto meglio, se solo potessimo contare su un numero di adesioni superiori a quelle attuali, che sono veramente esigue.
Abbiamo fin qui potuto  fortunatamente contare sulla costante , convinta collaborazione dell’Amministrazione Comunale ed anche sull’apporto di contributi , pur se per importi limitati, dell’Amministrazione Provinciale e della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia, della quale riconferma , però, di anno in anno non si può mai essere certi .
Rimane dunque fondamentale la partecipazione dei soci, sia sul piano economico che dell’apporto di idee e del lavoro volontario.
E’ per questo che , oltre a ringraziare coloro che hanno confermato l’iscrizione anche per quest’anno, sollecitiamo coloro che ancora non lo hanno fatto e ci rivolgiamo anche a chi , pur amante del teatro, non lo ha fatto mai.
Ci piacerebbe molto, in ogni caso, ricevere una vostra risposta , anche se solo in termini propositivi e/o critici.
Grazie per l’attenzione e…ci vediamo in teatro.

Cari saluti.
IL CONSIGLIO DIRETTIVO DELL’ASSOCIAZIONE PER IL TEATRO DI MONFALCONE

info@perilteatromonfalcone.it

Attività dal 2012 al 2015 : costanti ogni anno gli incontri nel foyer con esperti ed artisti, ed inoltre inserimento delle seguenti nuove iniziative :
anno 2012 :  presentazione, con ascolti,  di alcune opere in cartellone al teatro Verdi di Trieste da parte del M° Leonardo Di Pierro, presso il circolo Beniamino Gigli;
sul tema ” strumenti a tastiera” ” : conferenza sul pianoforte, con ascolti, da parte del M° David Giovanni Leonardi presso l’Istituto di Musica Vivaldi ; visita al Museo del Pianoforte Antico ad Ala di Trento.
Le visite a strutture di interesse artistico sono poi successivamente proseguite ogni anno ( Basilica di Aquileia, con illustrazione ed esecuzioni agli organi da parte del M° Maràs ; Theatrum Instrumentorum presso il Castello di Gorizia, con illustrazione ed ascolti da parte di Giuseppe Paolo Cecere ed Alessandra Cossi ; Museo Teatrale C. Schimidl e Teatro Verdi di Trieste; Museo Mozartina di Paularo e chiesa di Dierico)
Galleria Musicale n° 7 , ciclo di concerti con vari esecutori presso la Galleria Comunale d’Arte Contemporanea, a cura del M° Stefano Sacher.
anno 2013 : indizione del concorso ” I Giovani per il Teatro” rivolto inizialmente agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Monfalcone e Staranzano, poi proseguito negli anni successivi e da ultimo rivolto agli alunni delle scuole primarie di primo e secondo grado;
anno 2014 :  Opera al cinema/Dentro l’opera , ciclo di incontri su alcune delle opere in programmazione al Kinemax di Monfalcone, presso il Kinemax ed Il Carso in Corso, a cura di Rino Alessi ed atri relatori, con ascolti di brani eseguiti da pianisti e cantanti lirici.
anno 2015 : “il segno il suono” , ricordando Franco Rocco, mostra di quadri di Franco Rocco, presso il Palazzetto Veneto  e concerto con numerosi musicisti, cantanti e coro nella Chiesa della B.V. Marcelliana.

Il Segno e il Suono 2016

Siamo lieti di comunicare che, dopo la mostra che ha avuto un ottimo successo lo scorso anno a Monfalcone, riproponiamo assieme all’Associazione l’Albero del Melogramma

” il segno il suono”

esposizione di dipinti e disegni di Franco Rocco

L’inaugurazione si terrà venerdì 13 alle ore 18.00 a Fogliano e la mostra resterà aperta dal 13 maggio al 10 giugno 2016.

segnosuono

Concorso ” I Giovani per il Teatro” 3^ edizione 2015/2016

Ma che brave queste scuole!

Con la matinée del giovane pianista berlinese Martin Helmchen si è conclusa l’edizione 2015-2016 di “Dentro la scena – Musica”, progetto di educazione alla musica rivolto alle scuole di diverso ordine e grado nell’ambito del quale hanno avuto luogo alcune matinée con gli artisti del cartellone dei concerti.
Si è concluso, quindi, anche il Concorso “I giovani per il Teatro”, collegato alle matinée e realizzato dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone” in collaborazione con il Teatro ed il prezioso supporto di Sara Radin.

Questa la classifica del Concorso:
– Primo classificato Scuola media “Alighieri” di Staranzano (38 punti)
– Secondo classificato – Pari merito Scuola primaria “Battisti” di Monfalcone / Scuola media “da Vinci” di Ronchi dei Legionari (16 punti)
– Terzo classificato Scuola media “Schweitzer” di San Giovanni al Natisone (12 punti)
– Quarto classificato – Pari merito Scuola primaria “Collodi” di Monfalcone / Scuola primaria “Toti” di Monfalcone (8 punti) ;  Istituto “Pertini” di Monfalcone, fuori concorso (8 punti)
– Quinto classificato – Pari merito Scuola dell’infanzia “Il germoglio” di Monfalcone (6 punti) ; ISIS “Brignoli Einaudi Marconi” di Staranzano, fuori concorso (6 punti)
– Sesto classificato – Pari merito Scuola primaria “Butkovič – Domen” di Savogna d’Isonzo / Scuola media “Giacich” di Monfalcone (4 punti)
– Settimo classificato Scuola primaria “Brumati” di Vermegliano (2 punti).

Come indicato nel Regolamento del Concorso (disponibile nella sezione I Giovani per il Teatro del sito), il premio in denaro per l’acquisto di materiale didattico, messo a disposizione dall’Associazione, verrà assegnato al primo e ai secondi classificati.
A tutte le scuole che hanno aderito alle matinée musicali verrà consegnato un diploma di partecipazione.

La premiazione del Concorso avrà luogo in occasione del terzo appuntamento di “Galleria Musicale”, la rassegna che prevede l’esecuzione di alcuni concerti nello spazio originale ed inconsueto della Galleria Comunale d’Arte Contemporanea di Monfalcone (piazza Cavour, 44).
Domenica 17 aprile, con inizio alle ore 11.00, è la volta dell’Aristotrio (Francesca Somma al violino, Davide Forti al violoncello e Mosè Andrich al pianoforte), che eseguirà musiche di Dvořák e Pärt. Il concerto è realizzato in collaborazione con il Conservatorio “Tartini” di Trieste.

Dietro le Quinte – Matti da slegare – Giobbe Covatta ed Enzo Iacchetti incontrano il pubblico

Mercoledì 23 marzo alle ore 19.15, al Bar del foyer del Teatro Comunale di Monfalcone

                              Giobbe Covatta ed Enzo Iacchetti incontrano il pubblico.

L’incontro, coordinato da Roberta Sodomaco, è ,come sempre, ad ingresso libero.

Questo è l’ultimo degli incontri della stagione teatrale del comunale di Monfalcone 2015/2016,  nell’ambito dell’iniziativa ” Dietro le Quinte”, organizzata dal Comune  e dall’Associazione ” Per il Teatro di Monfalcone”.  A presto ed a rivederci alla prossima stagione !

È la commedia Matti da slegare a chiudere, i giorni 22 e 23 marzo, la stagione di prosa. Giobbe Covatta ed Enzo Iacchetti, diretti da Gioele Dix, affrontano il delicato tema del disagio mentale in modo intelligente e ironico.
Dopo parecchi anni vissuti in una struttura psichiatrica protetta, dove sono diventati amici inseparabili, Elia e Gianni vengono mandati dal sistema sanitario a vivere da soli in un appartamento.
Tratto dalla commedia Elling & Kjell Bjarne del norvegese Axel Hellstenius, Matti da slegare racconta il percorso tortuoso ma esaltante che porta i due protagonisti al reinserimento nel mondo, regalandoci un intenso ritratto di vita e di amicizia

 

 

ORCHESTRA MOZART

Cari soci ed amici, ieri abbiamo tenuto l’assemblea di approvazione dei bilanci e del programma di attività della nostra associazione per il 2016 ed una nostra socia ha fatto appello alla generosità degli amanti della musica al fine di sostenere la rinascita dell’orchestra Mozart, appello che volentieri raccogliamo, diffondiamo e sosteniamo. Per farlo, consultate il sito www.orchestramozart.com.
Nel 2004 l’OM ha iniziato a suonare.
Per dieci anni musicisti celebri e giovani promesse hanno suonato insieme, guidati da Claudio Abbado.
Dal 2014 l’OM non ha più suonato, ma l’eco di ciò che ha realizzato risuona ancora. L’Orchestra Mozart è un’eccellenza italiana che tutto il mondo ha conosciuto, è esperienza, innovazione, formazione, ascolto, è dedizione, amore sconfinato per la musica, urgenza espressiva, è un desiderio comune di tornare a suonare. Un desiderio realizzabile solo con il contributo di tutti.

Ricordando Franco Rocco

Dell’ensemble Odhecaton, che si esibisce al Teatro Comunale di Monfalcone il 10 marzo , fa parte anche il tenore Luca Dordolo, nato a Monfalcone ( www.lucadordolo.it) e nostro amico.
Chi c’era ( ed eravamo in molti) si ricorderà che Luca si è esibito, assieme ad altri valentissimi artisti , nel bel concerto che lo scorso ottobre abbiamo organizzato nella chiesa della B.V. Marcelliana
in memoria del nostro carissimo vice presidente Franco Rocco, di cui oggi 5 marzo ricorre il primo anniversario della morte e che ricordiamo con immenso rimpianto.
Lo ricorderemo anche nella messa che oggi sarà celebrata nella chiesa di San Nicolò a Sagrado alle ore 18.00

Dietro le Quinte – Incontro con Paolo Da Col

Giovedì 10 marzo alle 19.00, nel Foyer del Teatro Comunale di Monfalcone , Paolo Da Col, direttore dell’Ensemble Odhecaton, incontra il pubblico. L’incontro, condotto da Filippo Juvarra, direttore artistico della stagione musicale ed organizzato dal Comune e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone è ad ingresso libero. Non mancate !

Ensemble Odhecaton – Teatro Comunale di Monfalcone – 10 marzo ore 20.45
Il programma, nell’intenzione di Paolo Da Col, pone l’accento sul filo sottile che lega, oltre il tempo e il radicale mutare delle forme di espressione, intonazioni polifoniche e monodiche dei testi liturgici, in parte legati al tema della Passione di Cristo. Da un lato l’inquieta polifonia seicentesca del Principe Carlo Gesualdo, che sembra anticipare una moderna sensibilità armonica, dall’altro le creazioni contemporanee che traggono spunto dall’antico elaborando soluzioni sempre diverse e personali. Estremo capolavoro di Gesualdo sono i Responsoria del 1611, quasi una sorta di “identificazione” dell’autore nelle sofferenze del Cristo della Passione.
Sciarrino ha dato nuova veste musicale al Salmo 53, uno dei 14 Salmi della Settimana Santa. Penderecki prende spunto da un antico Organum, Scelsi si abbandona alle suggestioni del canto fermo e Pärt evoca il linguaggio di arcaiche polifonie.
L’Ensemble Odhecaton è stato fondato da Paolo Da Col nel 1998 e prende il nome dal primo libro a stampa di musica polifonica, pubblicato a Venezia da Ottaviano Petrucci nel 1501 (Harmonice Musices Odhecaton). Fin dal suo esordio l’Ensemble ha ottenuto alcuni dei più prestigiosi premi discografici e il riconoscimento, da parte della critica, di aver inaugurato un nuovo atteggiamento interpretativo che fonda sulla declamazione della parola la sua lettura mobile ed espressiva della polifonia.

 

 

“Cyrano, maestro di valore civile”

Prosegue “Dietro le quinte”, la serie di iniziative legate ai cartelloni di musica e prosa, realizzata in collalorazione dal Teatro Comunale e dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone”.

Mercoledì 2 marzo, alle ore 17.30, presso la Sala Conferenze della Biblioteca Comunale (via Ceriani, 10), a corredo dello spettacolo Cyrano de Bergerac, avrà luogo l’incontro dal titolo “Cyrano, maestro di valore civile”, a cura di Luisa Vermiglio.
L’ingresso è libero.

Martedì 1 e mercoledì 2 marzo ore 20.45 Teatro Comunale di Monfalcone – Cyrano de Bergerac
di Edmond Rostand
traduzione, adattamento e regia di Jurij Ferrini
con Jurij Ferrini, Ilenia Maccarrone, Raffaele Musella, Fabrizio Careddu, Lorenzo Bartoli, Daniele Marmi, Andrea Fazzari, Francesca Turrini, Michele Schiano di Cola, Angelo Tronca, Luca Cicolella
scene e costumi di Gaia Moltedo
luci di Francesco dell’Elba
aiuto regia Flaminia Caroli
Progetto U.R.T. / Compagnia Jurij Ferrini

foto

photo di Bepi Caroli

Accade qualche volta che il destino di un paese trasformi un elemento della propria cultura in una figura quasi mitologica e che questa, nel tempo, diventi un segno inalienabile dell’identità di una nazione. Così avviene nell’ultimo ventennio del XIX secolo, precisamente verso la fine del 1897, quando un’incantevole rivisitazione neoromantica dell’antica fiaba La bella e la bestia si incarna – fra eroismo individuale e vocazione al sacrificio – nelle imprese di un poeta, soldato, innamorato e idealista, scorticato dalla vita, con un naso brutto e grosso: Cyrano de Bergerac.
Ancora una volta Jurij Ferrini, che nel suo percorso di attore e regista ha saputo destreggiarsi fra autori classici e moderni, spoglia degli orpelli la messinscena per restituirci questo magnifico testo nella sua scarna e pungente nudità. Giocando su una recitazione quasi cinematografica, agile e incisiva, dirige gli interpreti all’interno di uno spazio essenziale e suggestivo, con pochi elementi scenografici funzionali e simbolici.

 

Dietro le Quinte – Schubert e la musica da camera

Riprendono e proseguono le conferenze a corredo della stagione teatrale del Comunale di Monfalcone , organizzate assieme dal Teatro e dalla nostra Associazione nell’ambito dell’iniziativa denominata ” Dietro le Quinte”. Non perdetevi quella dedicata a Schubert, collegata al concerto del 19 febbraio, ma Schubert lo ritroveremo anche il 5 aprile con il pianoforte di Martin Helmchen e l’11 aprile con il Trio Lonquich.

Venerdì 19 febbraio, alle ore 18.00, presso la Sala Conferenze della Biblioteca Comunale (via Ceriani, 10), a corredo del concerto che vedrà protagonista il Quartetto d’archi Lyskamm con un programma dedicato a Schubert, Federico Gon , musicologo e compositore, terrà una conferenza dal titolo “Schubert e la musica da camera”; l’incontro è a ingresso libero.

I capolavori di Schubert

È tutto dedicato a Schubert il programma del concerto che vede protagonista, venerdì 19 febbraio, il Quartetto Lyskamm, giovane quartetto d’archi che nel 2015 si è imposto al Concorso internazionale “Schubert und die Musik der Moderne“ di Graz.
Al Quartettsatz (Tempo di quartetto), lavoro straordinario e innovativo per le sue sperimentazioni formali ed espressive, si affianca un capolavoro di raro ascolto, l’Ottetto D 803 (op. 166), per l’esecuzione del quale si uniscono al Lyskamm altri quattro giovani strumentisti (clarinetto, fagotto, corno e contrabbasso) che condividono l’esperienza del progetto “Spira mirabilis”.

Concerto in ricordo di Franco Rocco

Cari soci ed amici, vi ricordiamo il  concerto del 28 gennaio che il Teatro Comunale di Monfalcone dedica al nostro vice presidente Franco Rocco, scomparso nel 2015 .
Siamo certi che a Franco il concerto sarebbe piaciuto molto.
L’Associazione ringrazia molto per questa dedica la direzione artistica ed organizzativa del teatro e l’assessorato alla cultura.


È il mito di Orfeo ad animare il concerto in cartellone giovedì 28 gennaio. La storia di Orfeo, che con la potenza del suo canto ammansisce le belve e vince la morte, ha ispirato molti compositori italiani del Seicento.
A ripercorrere il mito è l’ensemble belga Scherzi Musicali diretto da Nicolas Achten (voce, cembalista, arpista, liutista e maestro di concerto). Achten è stato nominato “artista classico dell’anno 2009” e premiato, nello stesso anno, come “giovane musicista dell’anno”.
Il concerto è dedicato a Franco Rocco, appassionato ascoltatore, amante della musica antica (che praticava alla viola da gamba) ed entusiasta animatore culturale come vicepresidente dell’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone”.

 

Nudi e crudi…..incontro nel foyer

La stagione di prosa del Teatro Comunale di Monfalcone saluta il nuovo anno, sabato 9 e domenica 10 gennaio, con Nudi e crudi, la divertente commedia tratta dal romanzo di successo di Alan Bennett che vede protagonisti i bravissimi Maria Amelia Monti e Paolo Calabresi.
Che succederebbe se, tornando a casa dopo una sera a teatro, si trovasse l’appartamento completamente vuoto, svaligiato dai ladri? È quel che accade ai Ransome, impeccabili coniugi inglesi la cui vita tranquilla e ripetitiva viene completamente sconvolta…
Imprevedibile e ironico, Nudi e crudi disegna un ritratto impietoso, ma esilarante della vita di una coppia di mezz’età e rivela più di ogni altra opera il genio comico di Bennett.

Domenica 10 gennaio, alle ore 19.00, al bar del foyer del Teatro, Maria Amelia Monti e Paolo Calabresi incontrano il pubblico; l’incontro, realizzato in collaborazione dal Comune e dall’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone”, è a ingresso libero. Vi aspettiamo !

Concerto di Capodanno

Vi segnaliamo il Concerto che la Mitteleuropa Orchestra tiene al Teatro Comunale di Monfalcone il 30 dicembre 2015 ( l’entrata è libera, i biglietti si ritirano all’ Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune, in via Sant’Ambrogio-Palazzetto Veneto)

Concerto di Capodanno
30 dicembre 2015
Monfalcone, Teatro Comunale – h. 20.45

Direttore: Giovanni Pacor
Programma

Franz von Suppé
La bella Galatea, Ouverture

Johann Strauss II
Wiener Blut, valzer

Johann Strauss II
Auf der Jagd, polka veloce, op. 373

Carl Teike
Alte Kameraden, marcia

Émile Waldteufel
Les patineurs, valzer

Jacques Offenbach
Orphée aux Enfers, Ouverture (trascr. Binder)

Johann Strauss II
Champagner Polka

Johann Strauss II
Die Fledermaus, Ouverture

Franz Lehar
Ballsirenen, valzer

Johann Strauss II
An der schönen blauen Donau, valzer

 

Auguri

A tutti un augurio per le prossime festività di fine anno e per un migliore 2016, nel quale, nonostante le tante difficoltà,l’arte e la cultura possano essere un bene accessibile a tutti.

Auguri

La politica secondo Balasso _ incontro nel foyer

Sabato 12 dicembre alle ore 18.30, nel bar del foyer del teatro Comunale di Monfalcone, Natalino Balasso e gli attori della compagnia dello spettacolo ” La Cativissima-Epopea di Toni Sartana” incontrano il pubblico.
L’incontro, nell’ambito dell’iniziativa Dietro le Quinte organizzata dal Teatro e dall’associazione Per il Teatro di Monfalcone, è , come sempre, ad ingresso libero.

“La Cativissima – Epopea di Toni Sartana”, che va in scena venerdì 11 e sabato 12 dicembre alle 20.45, è la prima parte di una trilogia che l’autore-attore Natalino Balasso dedica a questo surreale personaggio e alla sua ascesa da semplice sindaco di un piccolo paese di campagna a massima carica della Regione Serenissima (assessore ai “schei”).
In un clima da fanta-politica, in un tempo non definito, Balasso mette in scena contraddizioni e zone d’ombra del nostro quotidiano.

Buon divertimento !

Pirandello e la macchina cinematografica – conferenza di Luisa Vermiglio

Nell’ambito dell’iniziativa “Dietro le Quinte”, organizzata dal Teatro Comunale e dall’Associazione Per il Teatro di Monfalcone , Mercoledì 2 dicembre, alle ore 17.30, presso la Sala Conferenze della Biblioteca Comunale di Monfalcone (via Ceriani, 10), a corredo dello spettacolo dell’1 e 2 dicembre  Si gira!,                         Luisa Vermiglio terrà una conferenza dal titolo “Pirandello e la macchina cinematografica”.

Martedì 1 e mercoledì 2 dicembre, con Si gira!, sale sul palcoscenico il cinema! Nel romanzo di Pirandello “Quaderni di Serafino Gubbio operatore” al teatro si sostituisce il cinema, la nuova arte dell’era della riproducibilità tecnica. Pirandello allunga lo sguardo su un futuro allora solo immaginabile per raccontare l’incredibile storia del cineoperatore Serafino, piccola pedina ingurgitata dal vortice di un’industria cinematografica ai primi albori.
Stefano Massini, drammaturgo fra i più attenti del teatro italiano e consulente artistico del Piccolo di Milano, indaga le pagine pirandelliane come un lucidissimo prologo del nostro tempo, che ci vede bombardati da valanghe di scatti, intasati dal flusso dilagante di milioni di video su Youtube.

 

Operetta Burlesca – Prima dello spettacolo – nel bar del teatro

Nell’ambito di “Dietro le quinte”, le iniziative a corredo dei cartelloni di musica e prosa realizzate dal Teatro Comunale con la collaborazione dell’Associazione “Per il Teatro di Monfalcone”, lunedì 23 novembre, alle ore 20.00, al Bar del Teatro (Foyer al primo piano), avrà luogo una breve presentazione di Operetta burlesca di Emma Dante, a cura di Roberta Sodomaco.

Obiettivo delle presentazioni (che anticiperanno i 4 appuntamenti della rassegna “contrAZIONI” in unica replica) è fornire agli spettatori alcune indicazioni e chiavi di lettura per meglio fruire le pièce in cartellone.

“Ferite a morte”: incontro con il pubblico

Forte di tre anni di grande successo in Italia e all’estero, martedì 17 e mercoledì 18 novembre arriva al Comunale Ferite a morte, l’intenso spettacolo di Serena Dandini che affronta il tema della violenza sulle donne alternando il linguaggio del dramma a quello dell’ironia.

Nel segno della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne (25 novembre), mercoledì 18 novembre, alle ore 18.30, nel Foyer del Teatro, Lella Costa, Orsetta de’ Rossi e Rita Pelusio, le protagoniste dello spettacolo, incontreranno il pubblico.
L’incontro, a cura dell’Assessorato alla Cultura e di quello alle Pari Opportunità, è realizzato con la collaborazione di “Da donna a DONNA”, l’Associazione di Ronchi dei Legionari che si occupa di sostegno e assistenza alle donne che subiscono maltrattamenti o violenze di vario tipo (www.dadonnaadonna.org).
L’ingresso all’incontro è libero

Antonella Questa, Giuliana Musso e Marta Cuscunà, protagoniste di Wonder Woman, incontrano il pubblico

Mercoledì 4 novembre, ore 18.30, nel Foyer del Teatro:
Antonella Questa, Giuliana Musso e Marta Cuscunà, protagoniste di Wonder Woman, incontrano il pubblico.

È un’apertura tutta al femminile quella del nuovo cartellone di prosa ,martedì 3 e mercoledì 4 novembre, affidata alla creatività di tre autrici-attrici, esperte nel maneggiare le armi del teatro d’indagine e dell’ironia: Antonella Questa, Giuliana Musso e Marta Cuscunà.
Wonder Woman, lo spettacolo che le vede per la prima volta insieme, parte da un’inchiesta sull’indipendenza economica femminile per esplorare un mondo fatto di stereotipi di genere e diritti mancati. Un lucido e divertente reading animato da tre donne “bioniche” del nostro miglior teatro.

Venerdì 6 novembre, ospiti della stagione musicale, Francesca Dego (violino) e Francesca Leonardi (pianoforte) inaugurano il ciclo triennale dedicato alle dieci Sonate per violino e pianoforte di Beethoven.
Il duo Dego-Leonardi – protagonista dello stesso ciclo nell’incisione realizzata per la prestigiosa Deutsche Grammophon – esegue le ultime tre sonate: l’ottava, la celeberrima “A Kreutzer” e l’ultima sonata, la decima. A queste pagine si affianca il brano del giovane compositore veneto Alberto Schiavo E d’ego l’adorni, un triplice omaggio alle interpreti e a Beethoven.

Dietro le quinte, secondo incontro

Il prof. Alessandro Argentini  lunedì 2 novembre alle ore 17.30 nella Sala della Biblioteca Comunale di Via Ceriani farà un’introduzione  al concerto del 6 novembre del duo Francesca Dego e Francesca Leonardi, primo del ciclo triennale dedicato all’integrale delle sonate per violino e pianoforte di Beethoven.

Alessandro Argentini
Nato a Gorizia, diplomato in pianoforte, laureato in Lettere e con un Dottorato di ricerca in Scienze della musica conseguito a Trento, si interessa: alla preservazione e restauro di musica riprodotta, al fine di consentire la valorizzazione di archivi (sonori) e di fondi pubblici e privati; all’analisi delle teorie musicali del Novecento, con particolare attenzione agli influssi apportati dalla musica riprodotta. La passione per la musica lo ha portato a viverla in modo consapevole, facendola oggetto di studio e, soprattutto, cercando di condividerla con quante più persone possibile. Collabora con il Laboratorio MIRAGE dell’Università di Udine – dalla sua costituzione – a progetti di ricerca nazionali e internazionali volti alla ri-mediazione di documenti sonori. Sempre presso l’Università di Udine è docente di Storia del teatro musicale e di Contrappunto e armonia. Da alcuni anni cura i sopratitoli e alcune prolusioni ai concerti presso il Teatro Comunale di Treviso.

Venerdì 6 novembre, ospiti della stagione musicale, Francesca Dego (violino) e Francesca Leonardi (pianoforte) inaugurano il ciclo triennale dedicato alle dieci Sonate per violino e pianoforte di Beethoven.
Il duo Dego-Leonardi – protagonista dello stesso ciclo nell’incisione realizzata per la prestigiosa Deutsche Grammophon – esegue le ultime tre sonate: l’ottava, la celeberrima “A Kreutzer” e l’ultima sonata, la decima. A queste pagine si affianca il brano del giovane compositore veneto Alberto Schiavo E d’ego l’adorni, un triplice omaggio alle interpreti e a Beethoven.